9.376 CONDIVISIONI
Emergenza lavoro
26 Maggio 2022
15:42

“Mio figlio ha 43 anni e non riesce a trovare lavoro. Ma come si può pensare di andare avanti così?”

Fanpage.it ospita lo sfogo della mamma di un uomo di 43 anni dell’Irpinia: “Si sacrifica, ha competenze, ma non trova un lavoro vero”.
9.376 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Emergenza lavoro

Paola vive a Monteforte Irpino, provincia di Avellino. Ha letto alcune delle numerose lettere pubblicate da Fanpage.it Napoli, sul Reddito di cittadinanza, sui giovani cui vengono proposti solo contratti ultra-precari e con salari da fame e sulla cronica disoccupazione al Sud e ha deciso di raccontare una storia che proprio non riesce ad accettare. Quella di suo figlio. Paola è madre di un uomo che ad agosto compirà 43 anni e che non può ancora pensare al futuro, ad una casa, ad un matrimonio, ad una famiglia, poiché non riesce a trovare un lavoro degno di questo nome.

Racconta: «Ce ne sono tanti di casi di ragazzi che sono cresciuti con tante speranze, mio figlio, per esempio, ha fatto di tutto, ha cercato lavoro in tutti i modi.  Diplomato al Professionale, poi ha preso tutte le patenti possibili e immaginabili…. per il pullman per camion, per i mezzi speciali. per tutto».

La sua storia procede così:

Lui sta facendo volontariato ad Avellino. Gratis tre mesi all'anno, gli stanno dando 400 euro perché fa anche trasporto per bambini disabili a scuola, ma poi nient'altro. Fa anche 12 ore al giorno di lavoro, esce da casa alle 6 di mattina ma non c'è riconoscimento, non c'è più meritocrazia. E lui guida, guida. Guida pullman, guida macchine, ambulanze, ha fatto viaggi anche in Svizzera anche in Francia anche al Nord Italia per trasporti malati, ma neanche la trasferta gli danno, nulla. Un panino sull'autostrada e niente soldi. Mio marito è pensionato ha lavorato una vita in fabbrica. Non ci sono sbocchi non ci stanno entrate. Tutta la sua buona volontà, la sua bravura nella guida, non è stata premiata da nulla e da nessuno, neanche un lavoro fisso

La vicenda del figlio di Paola è quella di tanti ormai «ex giovani» che non rischiano di restare intrappolati nella disoccupazione per sempre: troppo vecchi per essere assunti come apprendisti, troppo giovani per appendere le speranze al chiodo.

Adesso ad agosto compierà 43 anni. Non si può neanche permettere di farsi una vita e sposarsi perché non ha un reddito fisso. Ma insomma ,ma questa Italia che fine ha fatto? Spiegatemi che fine ha fatto! Dove sta il lavoro? Questi giovani poi si dice che si suicidano… perché non hanno sbocchi non hanno speranze!…Pensare che sono più di due anni che ha fatto il concorso Air, lo ha superato….ma non lo chiamano. Perché?  È lo sfogo di una mamma… comprendetemi!

9.376 CONDIVISIONI
41 contenuti su questa storia
"Vi racconto la mia vita da cameriere, ben oltre la resistenza umana, in un ristorante di lusso"
"Lavoro di notte in fabbrica e di giorno bado a mia figlia: qui la parità non esiste"
"Nel turismo turni da 16 ore e paghe ridicole, dormiamo in 5 in 10mq: dicono che è così e basta"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni