1.577 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 3 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 11 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
28 Settembre 2022
19:28

Francesco Emilio Borrelli eletto alla Camera dopo il ricalcolo del Viminale

Francesco Emilio Borrelli entra alla Camera: la ripartizione su base nazionale dei cosiddeti “resti” ha fatto scattare il seggio per il consigliere regionale dei Verdi, ieri inizialmente escluso dall’elenco degli eletti.
A cura di Giuseppe Cozzolino
1.577 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Francesco Emilio Borrelli è stato eletto alla Camera dei Deputati. A distanza di 24 ore, dunque, il Viminale ha corretto la precedente indicazione, che metteva Borrelli tra i non eletti. Assieme a lui, sono "rientrati" anche altri tre parlamentari (tra cui Umberto Bossi, a sua volta escluso inizialmente). Borrelli, che attualmente è consigliere regionale di Europa Verde in Campania, entra dunque alla Camera nel plurinominale con Alleanza-Verdi-Sinistra. Il cambiamento è dovuto alla ripartizione, su base nazionale, dei cosiddetti "resti", che ha portato Borrelli a conquistare il seggio nella circoscrizione Campania 1-P02, dove era anche capolista. Per l'ufficialità bisognerà attendere comunque le prossime ore, e capire anche chi sarà a perdere il seggio.

Cosa sono i "resti" nei collegi uninominali

Se nei collegi uninominali vince semplicemente il candidato che prende più voti, nei collegi plurinominali i calcoli sono più complessi. In primis, la lista o la coalizione deve superare la soglia di sbarramento del 3%; a quel punto, si determina un quoziente elettorale, ottenuto dividendo il totale dei voti ottenute dalle liste o dei voti trasferiti dai candidati nei collegi uninominali alle liste collegate, per il numero di seggi da assegnare.

A questo punto, si divide ulteriormente la cifra elettorale di una coalizione o di una lista non collegata per il quoziente elettorale: il risultato (tolti i decimali) corrisponde al numero di seggi da assegnare alla lista o coalizione presa in considerazione. Ed è qui che entrano in gioco i "resti" delle divisioni: i seggi che devono ancora essere assegnati, vengono attribuiti a coalizioni o liste che abbiano i "resti" maggiori, in ordine crescente. Nelle coalizioni, i seggi vengono così distribuiti fra le liste collegate che abbiano superato le soglie di sbarramento.

1.577 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni