Una festa privata tra le mura di casa, con alcol e musica a tutto volume, in spregio totale delle normative anti contagio. A "interromperla", però, ci hanno pensato gli agenti del commissariato Posillipo, che sono intervenuti ed hanno multato otto giovani intenti in una festa all'interno di un appartamento. Il tutto è avvenuto nella tarda serata di ieri, domenica 7 febbraio, dopo che alla Centrale Operativa era giunta una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti dall'interno di una abitazione privata su via Petrarca.

Giunti sul posto, i poliziotti del commissariato di Posillipo hanno trovato all'interno dell'abitazione ben otto giovani napoletani, tutti di età tra i 31 ed i 39 anni, che stavano festeggiando e bevendo alcol, in totale spregio delle norme anti contagio da Coronavirus ed anti assembramenti. Per tutti e otto sono scattate le relative multe: festa dunque che si è interrotta nel peggiore dei modi per il gruppo. Episodi del genere si stanno verificando ripetutamente in tutta Napoli: poche ore prima, sempre gli agenti di polizia erano dovuti intervenire all'interno di un albergo di Pozzuoli, dove era giunta un'analoga segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume. Giunti sul posto, i poliziotti hanno bussato alla porta senza che però gli venisse aperta. Fatto il giro da dietro, sono così entrati da una porta di sicurezza, trovando all'interno dell'albergo 59 persone che stavano festeggiando una festa di compleanno, anche loro in totale spregio di ogni norma anti contagio. Analoga sorte per tutti e 59, multati così come il titolare ed il gestore dell'albergo stesso.