140 CONDIVISIONI
L'omicidio di Aldo Gioia ad Avellino
27 Luglio 2021
9:15

Delitto Avellino, uccisero il padre di lei: i due fidanzatini processati con giudizio immediato

L’inizio del processo per Elena Gioia, 18 anni e Giovanni Limata, 23, è stato fissato per il prossimo 27 ottobre. La sera del 23 aprile scorso Limata, con un coltello da caccia, ha ucciso a coltellata il padre della ragazza, Aldo Gioaia: i due avevano premeditato lo sterminio di tutta la famiglia di lei, che secondo loro si opponeva alla relazione.
A cura di Valerio Papadia
140 CONDIVISIONI
Giovanni Limata ed Elena Gioia
Giovanni Limata ed Elena Gioia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Aldo Gioia ad Avellino

Saranno processati con giudizio immediato Elena Gioia, 18 anni e Giovanni Limata, 23, i due fidanzatini accusati dell'omicidio del padre della ragazza, Aldo Gioia, 53 anni, ucciso a coltellate la sera del 23 aprile scorso ad Avellino. Paolo Cassano, gip del Tribunale irpino, ha accolto la richiesta del pubblico ministero Vincenzo Russo e ha disposto il giudizio immediato: l'inizio del processo per i due fidanzatini killer è stato fissato per il prossimo 27 ottobre; entrambi hanno confessato e sono detenuti nel carcere di Avellino, accusati di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione "consistita nella pianificazione lucida e meticolosa di tutte le fasi dell'agguato mortale", come si legge nel capo d'imputazione.

L'omicidio di Aldo Gioia

La sera del 23 aprile del 2021, Giovanni Limata, residente a Cervinara, arriva ad Avellino, nel cuore della città irpina, in corso Vittorio Emanuele II, armato di coltello; la sua fidanzata, Elena Gioia, gli ha lasciato la porta di casa aperta. Quando Giovanni entra, Aldo Gioia, il papà di Elena, sta dormendo sul divano: il 23enne si avventa su di lui e lo accoltella ripetutamente, 12 colpi. Le urla di dolore del 53enne allertano la moglie e l'altra figlia, che stanno dormendo al piano di sopra, salvando di fatto la loro vita.

Dalle chat che i due fidanzatini si scambiavano fino a pochi minuti prima del delitto, infatti, è emerso che il piano di Elena e Giovanni era quello di sterminare l'intera famiglia di lei. "Quando li uccidiamo?" domandava Elena a Giovanni in una delle chat in questione. "Lo faccio perché li odi" la risposta del ragazzo.

140 CONDIVISIONI
20 contenuti su questa storia
Omicidio di Avellino, perizia sul coltello: forse l'assassino non era da solo
Omicidio di Avellino, perizia sul coltello: forse l'assassino non era da solo
Delitto di Avellino, restano in carcere Elena e Giovanni: avvocati rinunciano al Riesame
Delitto di Avellino, restano in carcere Elena e Giovanni: avvocati rinunciano al Riesame
Delitto di Avellino, Giovanni aveva confessato a un'amica: "Ucciderò per amore"
Delitto di Avellino, Giovanni aveva confessato a un'amica: "Ucciderò per amore"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni