32 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Ragazza rapinata e sequestrata in una sala slot: riesce a mandare un messaggio alla madre che la salva

Due cittadini uomini di 43 e 46 anni sono stati arrestati per aver sequestrato e derubato una dipendente di una sala slot di Magenta (Milano): la ragazza è riuscita a mandare un messaggio alla madre che ha attivato il vicino di casa carabiniere.
A cura di Giorgia Venturini
32 CONDIVISIONI
Immagine

Avevano fatto irruzione all’interno di una sala slot di Magenta, nel Milanese, afferrando di spalle una dipendente, una ragazza di 25 anni, e legandole mani e piedi con un nastro adesivo. Poi hanno portato via dalla cassa 1.700 euro in contanti. Durante il sequestro, avvenuto lo scorso 20 gennaio, però la giovane è riuscita a scrivere un messaggio alla madre che subito ha attivato i carabinieri. Un vicino della madre era proprio un appuntato scelto in servizio presso la compagnia Carabinieri di Abbiategrasso: il militare ha allertato subito i colleghi in caserma e si è precipitato sul luogo della rapina.

L'intervento della madre e del vicino di casa carabiniere

Il vicino di casa-carabiniere una volta sul posto ha visto i due malviventi uscire dal locale e salire su un'auto a cui è stata subito presa la targa. Insieme ai colleghi hanno prestato subito soccorso alla ragazza sequestrata assicurandosi delle sue condizioni e liberandola dai nastri adesivi. LA 25enne è stata poi raggiunta anche dai sanitari del 118 che l'hanno portata all'ospedale di Magenta da dove è stata dimessa con 7 giorni di prognosi.

Intanto alcuni carabinieri si sono messi sulle tracce dei rapinatori. L’autovettura ricercata con a bordo i due fuggiaschi è stata bloccata in via Elsa Morante a Magenta. I due soggetti, sottoposti a perquisizione, sono stati trovati in possesso della somma rubata, di due passamontagna, di un paio di guanti, di un rotolo di nastro adesivo, di fascette da elettricista e dell’unità DVR di videoregistrazione asportata dalla sala slot.

Chi sono i due arrestati

In manette sono finiti due cittadini cinesi di 43 e 46 anni con l'accusa di "sequestro di persona", "rapina aggravata in concorso" e "lesioni personali". Il 46enne era già noto alle forze dell'ordine perché già destinatario di un ordine di carcerazione emesso novembre del 2016 dal Tribunale di Milano a seguito di condanna definitiva: doveva scontare una pena di due mesi di  reclusione per “evasione” risalente al 2011. Gli arrestati sono stati accompagnati presso il carcere di Milano "San Vittore".

32 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views