783 CONDIVISIONI
Covid 19
1 Aprile 2021
12:45

Prenotazione vaccino Covid Lombardia, sito di Poste attivo da oggi: come funziona e chi può farla

Da venerdì 2 aprile è operativo il nuovo sistema di prenotazione dei vaccini anti Covid in Lombardia con il portale di Poste Italiane, ma anche tramite call center, sportelli Postamat e dal postino. Possono prenotarsi i cittadini lombardi di età compresa tra i 75 e i 79 anni, che saranno vaccinati dal 12 aprile. Per le persone tra 70 e 74 anni adesione aperte dal 15 aprile. Poi via via le fasce di età più giovani.
A cura di Simone Gorla
783 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Da venerdì 2 aprile è attivo il nuovo sistema di prenotazione dei vaccini anti Covid in Lombardia con il portale di Poste Italiane e possono prenotarsi i cittadini lombardi di età compresa tra i 75 e i 79 anni. Lo hanno annunciato ufficialmente il presidente della Regione, Attilio Fontana, e la vicepresidente, Letizia Moratti, nel corso di una conferenza a Palazzo Lombardia con l'assessore alla Protezione civile Pietro Foroni, il coordinatore della campagna vaccinale Guido Bertolaso e il chief digital technology operating officer di Poste Italiane Mirko Mischiatti.

Vaccino Covid in Lombardia, la prenotazione con call center, sportelli Postamat e postini

Con il sistema di Poste Italiane ci sono diverse modalità di prenotazione del vaccino: i cittadini lombardi nelle fasce d'età interessate possono prendere il proprio appuntamento per l'inoculazione sul sito dedicato, o chiamare al numero gratuito 800.894.545. Altrimenti, si può effettuare la prenotazione agli sportelli Atm Postamat o tramite il palmare in dotazione dei postini.

Il sito prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it consente la prenotazione via web o app, da qualsiasi dispositivo fisso o mobile. Per farlo si dovrà inserire il numero di tessera sanitaria e il codice fiscale, quindi dare il consenso al trattamento dei dati personali, inserire il cap e il numero di cellulare per ricevere la conferma. Una volta inseriti questi dati, il sistema mostrerà i centri vaccinali più vicini, le date e gli orari disponibili e si potrà selezionare il luogo preferito e confermare. Infine si riceverà la conferma da stampare.

Come prenotare il vaccino con call center, sportelli Postamat e postini

Il call center, che fino a oggi in Lombardia era disponibile solo per offrire informazioni, ora si potrà chiamare anche per prenotare. Sarà possibile prenotare la vaccinazione anche agli sportelli Postamat nei mille uffici postali presenti in Lombardia. Per farlo, basterà inserire il numero di tessera sanitaria e seguire le indicazioni. Infine anche i quattromila postini al lavoro in Lombardia permetteranno di prenotare il vaccino con il palmare in dotazione: al termine rilasceranno una ricevuta con data, orario e centro di somministrazione.

Chi può prenotare il vaccino anti Covid con Poste: le fasce d'età

Dal 2 aprile potranno prenotarsi i cittadini lombardi di età compresa tra i 75 e i 79 anni. In seguito la possibilità di aderire alla campagna sarà aperta alle altre fasce di età in base alla disponibilità di dosi di vaccino. Dal 12 aprile inizieranno le vaccinazioni per la fascia 75-79 al ritmo di circa 35mila dosi al giorno. L'obiettivo è finire la prima dose per questa categoria entro il 26 di aprile. Dal 15 aprile saranno aperte le prenotazioni per le persone tra 70 e 74 anni. Le somministrazioni partiranno poi per questa categoria il 27 aprile con l'obiettivo di concludere la prima dose tra l'8 e il 12 maggio.

Se questo programma sarà mantenuto e arriveranno tutte le dosi, il 22 aprile si apriranno le prenotazioni per le persone tra i 60 e i 69 anni per poi iniziare le vaccinazioni dal 13 maggio e finire la prima dose entro il 9 giugno. Entro la metà di maggio partirà quindi la prenotazione per la categoria 50-59 anni, che in condizioni ottimali potrà essere vaccinata tra fine maggio e la metà di giugno. Da metà giugno sarà il turno degli under 49.

Anche vulnerabili e disabili potranno aderire sul portale

Letizia Moratti ha spiegato che anche i pazienti estremamente vulnerabili potranno aderire alla campagna di vaccini anti Covid attraverso il portale di Poste italiane. Sono 366.705 le persone estremamente vulnerabili: di queste 54mila hanno ricevuto il vaccino.

Proseguono i lavoro anche per la vaccinazione dei disabili, "attraverso gli elenchi che abbiamo ricevuto dall'Inps sulla base della legge 104", ha aggiunto Mortatti, e questa vaccinazione è affidata "agli ospedali che li hanno in carico o ai medici di medicina generale". Anche questi elenchi possono essere caricati sul portale delle Poste quindi anche attraverso il portale vi si può accedere, oppure chiamando il call center dedicato 800 894 545.

783 CONDIVISIONI
27536 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni