17 Settembre 2022
19:35

Picchia i medici e gli infermieri del pronto soccorso, in manette un 43enne

Un uomo di 43 anni ha picchiato medici e infermieri di un pronto soccorso. Non voleva farsi visitare.
A cura di Filippo M. Capra

Momenti di paura e tensione nella serata di ieri al pronto soccorso dell'ospedale di Iseo. Un uomo di 43 anni, residente a Tavernola Bergamasca, ha improvvisamente dato in escandescenze colpendo a calci e pugni i medici e gli infermieri del nosocomio. Poi, all'arrivo dei carabinieri, ha aggredito anche questi ultimi che sono riusciti con non poca fatica a immobilizzarlo ed arrestarlo.

Aggredisce medici e infermieri del pronto soccorso

Secondo quanto riportato da PrimaBrescia, tutto è successo pochi minuti prima delle 23 quando, dopo essere arrivato al pronto soccorso per via di uno stato di malessere, il 43enne non ha voluto farsi visitare dai medici rifiutandosi di effettuare le analisi di rito. Sotto l'effetto di alcool o di qualche droga, ha cominciato a inveire contro il personale sanitario del pronto soccorso, passando rapidamente alle minacce. Dopo qualche urla, l'uomo si è scagliato contro medici e infermieri con calci e pugni. Nessuno lo poteva avvicinare, nemmeno per provare a calmarlo. Uno dei dottori dell'ospedale è rimasto ferito a un polso.

Bloccato con un tasera, è stato arrestato dai carabinieri di Chiari

Immediata la chiamata ai carabinieri che hanno inviato sul posto una pattuglia. I militari, arrivati all'interno dell'ospedale, sono stati a loro volta aggrediti dall'uomo. Per questo motivo hanno dovuto ricorrere all'utilizzo di un taser grazie al quale sono riusciti a immobilizzarlo. L'uomo, un cittadino di origini siriane, è stato quindi arrestato con le accuse di resistenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale, per interruzione di pubblico servizio e per essersi rifiutato di fornire le generalità.

Ubriaco aggredisce i medici al pronto soccorso: denunciato
Ubriaco aggredisce i medici al pronto soccorso: denunciato
Operaio precipita da sei metri e rimane paralizzato: il capo del cantiere non chiama i soccorsi
Operaio precipita da sei metri e rimane paralizzato: il capo del cantiere non chiama i soccorsi
Quattro giorni per far visitare il figlio con 40 di febbre:
Quattro giorni per far visitare il figlio con 40 di febbre: "Al pronto soccorso orde di genitori"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni