252 CONDIVISIONI
Coronavirus
1 Giugno 2021
8:12

Lite sul volo Ibiza-Bergamo di Ryanair, cos’è successo prima dello sputo a bordo

Cos’è successo prima della lite con sputi, calci e offese andata in scena sul volo Ibiza-Bergamo di Ryanair di martedì scorso? Gli animi tra la passeggera no mask e gli altri a bordo erano già tesi, tanto che la prima aveva già avuto uno screzio al momento dell’imbarco perché invitata a rispettare la distanza di sicurezza come da normative anti Covid.
A cura di Filippo M. Capra
252 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Cos'è successo prima della lite scatenatasi a bordo del volo Ibiza-Bergamo durante la quale una passeggera ha prima sputato in direzione di una donna e poi strappato i capelli a un'altra? Gli animi erano già tesi ben prima di salire sul velivolo. Arrivata all'aeroporto dell'isola spagnola, infatti, la donna ha avuto alcuni screzi con un'altra viaggiatrice che la invitava a rispettare la distanza di sicurezza come da normative anti Covid. Al momento dell'imbarco, secondo quanto riportato da Milanotoday, la discussione si sarebbe fatta più accesa, con la donna "no mask" che si è arrabbiata per essere stata redarguita. Poi, una volta a bordo del volo, la baruffa.

Insulti omofobi, sputi e calci: donna denunciata per lesioni

Sputi, tirate di capelli, calci in direzione di chi la invitava a stare calma mentre gli steward cercavano a stento di trattenere la sua ira nei confronti degli altri passeggeri che, semplicemente, le chiedevano di indossare la mascherina. La passeggera ha prima risposto con degli insulti ("putt..") ed espressioni omofobe, poi è passata alle mani. Una volta atterrato a Bergamo, ad attendere il volo c'era la polizia di Stato, allertata dal capitano, che ha preso in custodia la donna ascoltando la sua versione. Come ricostruito da Fanpage.it, la passeggera – che successivamente si è sfogata su Instagram – è stata denunciata per lesioni e per violazione delle normative anti Covid. Nel suo post condiviso online, la passeggera ha detto: "La cosa che mi rammarica è il fatto che al rientro da Ibiza evidentemente quella persona (l'altra passeggera che le ha chiesto di rispettare il distanziamento, ndr) o era troppo frustrata oppure troppo sfigata… evidentemente sarà una bruttissima persona, però alla fine io non mi nascondo dietro a un cellulare o a una tastiera, io la vita me la godo".

252 CONDIVISIONI
26112 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni