46 CONDIVISIONI

“L’hanno preso per la gola, l’hanno spaccato”: blitz contro due gruppi vicini alla ‘ndrangheta, 30 arresti

Nella mattinata di oggi, martedì 28 maggio, sono state infatti fermate due organizzazioni criminali accusate di traffico di stupefacenti e altri reati. È stata contestata l’aggravante del metodo mafioso. Sono state fermate trenta persone.
A cura di Ilaria Quattrone
46 CONDIVISIONI
Alcuni frame del video della operazione
Alcuni frame del video della operazione

Nella mattinata di oggi, martedì 28 maggio, si è verificata un'importante operazione della polizia di Stato in provincia di Como. Sono state infatti fermate due organizzazioni criminali accusate di traffico di stupefacenti e altri reati. In particolare modo è stata contestata l'aggravante del metodo mafioso. In totale sono state fermate trenta persone: per 25 sono state emesse dal giudice per le indagini pre ordinanze di custodia cautelare in carcere, per cinque ordinanze applicative degli arresi domiciliari.

Gli arrestati abitano tra Lombardia, Piemonte e Calabria e dovranno rispondere delle accuse a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti con l'aggravante dell'associazione armata, usura ed estorsione con l'aggravante del metodo mafioso, autoriciclaggio per aver riutilizzato i proventi dell'attività di spaccio per acquistare locali pubblici e finanziare società, intestazione fittizia, indebita percezione di erogazioni pubbliche, per aver ottenuto mutui attraverso fondi di garanzie per il tramite di documentazione falsa.

In un'intercettazione, uno degli indagati ha detto: "Io sono arrivato in ritardo, ma l’hanno spaccato e considera che è caduto a terra e si è spaccato tutti i corna. L’ha spaccato, l’ha spaccato. L’avvocato l’hanno preso per la gola e gli hanno detto ‘vedi che i prossimi sono tuoi’ e allora rimaniamo che voi a Erba piede non ce lo mettete, a Erba voi piede non ce lo mettete, arrivate fino al Segrino perché a Erba ci siamo noi".

L’operazione, che è iniziata alle 3 del mattino, è stata condotta dello SCO (Servizio centrale operativo) e dalla Squadra mobile di Como, da centinaia di investigatori delle Squadre Mobili di diverse province del territorio nazionale, con il supporto delle SISCO (Sezioni Investigative del Servizio Centrale Operativo), dei Reparti Prevenzione Crimine, delle unità cinofile antidroga e antiesplosivo e del Reparto Volo.

46 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views