Un voto alla Madonna per salvare i cittadini dal Covid. E sembra che sia accaduto proprio quanto chiesto: c'è chi grida al miracolo, chi invece parla di pura casualità. Ma nel piccolo paesino di Fiesco, un paese di 1.219 anime nella pianura cremonese, dopo l'intercessione alla vergine Maria, si contano zero morti per Covid. Con un'unica eccezione: "Qui da noi c’è stata una sola vittima ma prima del voto e si è trattata di una persona che era da poco venuta ad abitare qui", ha voluto precisare il sindaco Luigi Piacentini a "Il Giorno" Cremona. E la "benedizione" della Madonna in paese dura ormai da mese: quando scoppia la pandemia lo scorso febbraio il piccolo paese è in allerta, perché non è poi così lontano dal focolaio di Codogno. Così una domenica di marzo il parroco, don Mario Dalè, tranquillizza tutti: "Ho chiesto ai miei parrocchiani di rinunciare a qualcosa – come riporta il quotidiano – di offrire un dono alla Madonna. Insomma di fare un voto per chiedere alla Vergine Maria di stendere le sue mani sul paese. Ho chiesto di proteggerci". E in effetti così è stato.

Al termine della prima seconda ondata solo 25 contagi

I parrocchiani dopo aver ascoltato le parole del parroco hanno iniziato a fare offerte. Risultato: il voto alla madonna ha veramente salvato dal virus gli abitanti di Fiesco. Qui al termine della prima ondata si contavano 25 positivi, tra cui il sindaco, e al termine della seconda invece sono stati 13 i casi. Chiamateli pure privilegiati o benedetti. Resta il fatto che nella vicina Castelleone, città che avrebbe dovuto incorporare Fiesco se non fosse che il voto dei cittadini in un referedum ha bocciato la proposta, i morti sono stati tantissimi. Così come a Trigolo dove quattro fratelli sono morti tutti di Covid. 

Le offerte dei fedeli serviranno per realizzare una corona per la Madonna

Ora però la Madonna riceverà un dono di ringraziamento. Il parroco infatti ha raccolto quanto donato dai fedeli per realizzare una corona che sarà posta sulla statua della Madonna il prossimo settembre. Per l'occasione, fa sapere il parroco, sarà atteso anche il vescovo e si farà una grande festa con la speranza che a settembre la pandemia sarà solo un brutto ricordo. Intanto "noi continuiamo a pregare la Madonna perché ci preservi dai lutti".