45 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

“Era un bullo, ho difeso una mia amica”: come si difende il 18enne che ha accoltellato il 15enne a scuola

Il ragazzo di 18 anni che ha accoltellato uno studente di 15 anni mentre usciva dalla sua scuola a Pieve Emanuele, nel Milanese, ha spiegato la sua versione dei fatti davanti al giudice per le indagini preliminari.
A cura di Giorgia Venturini
45 CONDIVISIONI
Immagine

Ha spiegato al giudice per le indagini preliminari il motivo del suo gesto il ragazzo di 18 anni che ha accoltellato uno studente di 15 anni mentre usciva dalla sua scuola a Pieve Emanuele, nel Milanese. Il 18enne ha raccontato che voleva proteggere la sua amica che secondo lui era vittima di maltrattamenti e molestie da parte del 15enne. "Si comporta come se fosse il bullo della scuola e quella ragazza per me è quasi una sorella", ha precisato l'indagato. Che poi ha aggiunto che quel giorno si era presentato fuori da scuola per andare a prendere l'amica e che aveva con sé il coltello per difendersi.

Nei confronti del 18enne è stata aggravata l'accusa nei suoi confronti: da lesioni aggravate a tentato omicidio. Resta indagato anche per minacce gravi e porto di coltelo. Il gip ha convalidato l'arresto ed emesso l'ordinanza di custodia cautelare di carcere.

Cosa è successo fuori dalla scuola a Pieve Emanuele

I fatti risalgono a due giorni fa quando il 15enne era stato accoltellato alla gamba e avrebbe provato a fuggire all'interno della scuola. Il giovane era stato soccorso in codice rosso ma fortunatamente in ospedale le sue condizioni non sono state considerate così gravi: non è mai stata in pericolo di vita. Intanto il 18enne dopo l'accoltellamento era scappato a Rozzano, dove è residente. I carabinieri sono riusciti a rintracciarlo e fermarlo in pochi minuti: dagli accertamenti dei militari è emerso che l'aggressore aveva precedenti per reati di droga ed è destinatario di una misura dell'obbligo di firma.

E ancora: le indagini hanno svelato che il 18enne aveva già minacciato al telefono il ragazzino dicendogli: "Ammazzo te e tua madre". Ora dovrà difendersi dall'accusa di tentato omicidio. Si trova ancora in carcere a San Vittore a Milano.

Le parole a Fanpage.it del padre della vittima

A Fanpage.it il padre della vittima ha raccontato quanto accaduto: "Mi ha chiamato per dirmi che lo avevano accoltellato. Ho visto mio figlio in una pozza di sangue". Ha tenuto a sottolineare poi che il figlio "è scioccato. Mi ha detto di aver visto la morte, è spaventato. Non diamo però la colpa alla scuola. In quell'istituto ci sono le telecamere, è un posto sicuro. Il problema è che bisogna insegnare ai ragazzi a dialogare e parlare, non arrivare al punto di tirare fuori un coltello e una bottiglia".

Il padre ha spiegato che cercherà di stargli vicino: "Proverò a parlargli e rassicurarlo. Gli spiegherò che la sua è importante".

45 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views