72 CONDIVISIONI
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

Caso Eitan, il nonno materno presenta ricorso. Legali zia paterna: “Speriamo che Tribunale lo respinga”

I legali della zia paterna sperano che “il tribunale distrettuale di Tel Aviv respinga il ricorso” presentato dal nonno materno di Eitan, il bimbo unico superstite della tragedia del Mottarone. Gli avvocati hanno infatti aggiunto che: “La sentenza del tribunale della famiglia parla da sé ed è completa, ben fondata, approfondita e accademica”. Il portavoce della famiglia materna ha invece precisato che la sentenza “non avrebbe tenuto conto delle circostanze eccezionali”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Simona Buscaglia
72 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Caso Eitan: il bimbo portato dal nonno in Israele

"Ci auguriamo che il tribunale distrettuale di Tel Aviv respinga il ricorso". Sono queste le parole dei legali di Aya Biran, zia paterna di Eitan, al ricorso presentato da Shmuel Peleg, il nonno materno del bimbo, unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone. Gli avvocati, le cui dichiarazioni sono riportate da Ansa, sottolineano come "La sentenza del tribunale della famiglia parla da sé ed è completa, ben fondata, approfondita e accademica". I legali sperano anche che, come stabilito dal Tribunale della famiglia di Tel Aviv, il bimbo torni "il più rapidamente possibile alla sua famiglia, alla sua scuola, alle strutture terapeutiche da cui era stato rapito".

La famiglia materna presenta il ricorso al Tribunale

La famiglia della mamma di Eitan ha infatti presentato ricorso contro la decisione del tribunale della famiglia di Tel Aviv che ha stabilito il suo ritorno in Italia presso la zia italiana. Lo riferisce l'emittente israeliana Canale 2. Il Tribunale della famiglia aveva infatti dato ragione alla famiglia paterna riconoscendo le loro ragioni nell'ambito della convenzione dell'Aja sulla sottrazione dei minori. Il portavoce della famiglia Peleg, Gadi Solomon, lo ha fatto sapere aggiungendo che la sentenza in questione non avrebbe "tenuto conto delle circostanze eccezionali alle quali si trovava di fronte" ed ha ignorato "le azioni unilaterali della zia Aya Biran".

Un ricorso che era già stato annunciato

Il possibile ricorso, oggi diventato realtà, era già stato annunciato dal portavoce della famiglia materna il 25 ottobre scorso. "La famiglia è determinata a continuare la battaglia in ogni modo possibile nell’interesse di Eitan, il suo benessere e il diritto a crescere in Israele come i suoi genitori si augurano" aveva precisato. In quell'occasione al Canale televisivo 13, la nonna materna di Eitan, Etty Peleg, aveva dichiarato: "Un disastro nazionale quello che è successo in tribunale, il suo posto è in Israele, è israeliano".

72 CONDIVISIONI
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan versa 50mila euro al nipote: così eviterà il carcere per il suo rapimento
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Il nonno di Eitan e il suo autista rischiano il processo, sono accusati di sequestro aggravato di minore
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
Rapimento Eitan, estradato in Italia il presunto complice del nonno ma è già libero: torna a Cipro
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni