204 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Addio palme e banani davanti al Duomo di Milano: al loro posto una foresta di montagna

Dopo sette anni, l’aiuola al centro di Milano cambia sponsor: al posto della foresta esotica piantata dal colosso del caffè Starbucks è in arrivo stavolta il bosco di montagna ideato da Ermenegildo Zegna, decorato da fiori alpini e rododendri.
A cura di Francesca Del Boca
204 CONDIVISIONI
Immagine

Addio palme, hibiscus e banani davanti alla facciata del Duomo. Dopo sette anni, l'aiuola al centro di Milano cambia sponsor: al posto della foresta esotica, piantata dal colosso del caffè Starbucks e ideata dall'architetto Marco Bay, è in arrivo stavolta il bosco di montagna ideato da Ermenegildo Zegna. La consegna ufficiale del nuovo giardino avverrà in occasione del Salone del Mobile, nell'aprile del 2024.

E così saranno cespugli di canfore, rododendri, stelle alpine e fiori d'alta quota a decorare per i prossimi tre anni lo spazio verde del Comune di Milano, prendendo il posto dell'oasi di sapore mediterraneo che tanto aveva fatto discutere i milanesi (e non solo). "Mancano scimmie e cammelli, i clandestini ci sono", come aveva accolto l'iniziativa l'ora vicepremier Matteo Salvini. "Adesso finalmente si sentiranno a casa loro".

Ma non solo. Per Riccardo De Corato, assessore regionale alla Sicurezza, le palme nel pieno centro storico erano un segno ormai chiaro della"africanizzazione di Milano". A lui replicò prontamente Philippe Daverio: "Non è un'africanizzazione di Milano. Io trovo invece che quest'idea sia fantasiosa, in linea con la storia". Del resto, strano ma vero, palme e banani erano presenti anche nell'Ottocento.

Commenti negativi, però, erano arrivati anche dal mondo dell'architettura. In testa tra i tiratori del fuoco amico il paesaggista Paolo Pejrone, che nel 2017 disse: "Piantare queste specie in piazza del Duomo a Milano mi sembra una follia neogotica. Le palme non fanno parte del passato e neppure del futuro del Nord Italia, sono un esotismo a sé". Seguito a ruota dalla collega Francesca Neonato, che aveva tuonato: "Milano non è Miami". Il bosco di montagna scatenerà gli stessi mal di pancia?

204 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views