66 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Covid 19

La pandemia di Covid sarebbe partita dai cani procione venduti illegalmente al mercato di Wuhan

Lo mostra una nuova analisi di alcune sequenze genetiche provenienti dal mercato cinese, in precedenza non disponibili e rimosse dopo la loro pubblicazione.
A cura di Valeria Aiello
66 CONDIVISIONI
Un cane procione (cane viverrino), è una volpe selvatica originaria dell'Asia orientale / @Wikipedia.
Un cane procione (cane viverrino), è una volpe selvatica originaria dell'Asia orientale / @Wikipedia.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

I cani procione venduti illegalmente al mercato di Huanan, a Wuhan, potrebbero essere gli animali che hanno portato e forse trasmesso il coronavirus Sars-Cov-2 all’uomo. Lo mostra una nuova analisi di alcuni campioni ambientali raccolti dalle bancarelle del mercato cinese, i cui risultati forniscono le prove genetiche della presenza del virus negli animali che erano in vendita. Lo studio, presentato martedì al Scientific Advisory Group for the Origins of Novel Pathogens (SAGO), il gruppo di esperti istituito lo scorso anno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), supporta ulteriormente la tesi secondo cui la pandemia avrebbe avuto origine dagli animali infetti venduti all’interno del mercato, sconfessando l’ipotesi della fuga del virus dal laboratorio di Wuhan. La scoperta, ha osservato Kristian Andersen, un biologo evoluzionista dello Scripps Research di La Jolla, in California, che ha partecipato alla riunione ed è uno degli scienziati che ha analizzato i nuovi campioni in precedenza non disponibili, ha indicato “ancora di più” che il mercato di Wuhan è la probabile fonte dei primi casi di Covid .

A individuare i nuovi dati, che consistono in sequenze genetiche pubblicate da alcuni ricercatori cinesi sul database GISAID, è stata Florence Débarre, una teorica specializzata in biologia evolutiva che lavora presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS). Il team cinese, riporta Science, aveva raccolto i campioni ambientali dal mercato del pesce di Huanan tra il 1° gennaio (il giorno in cui era stato chiuso) e il 2 marzo 2020, dove – malgrado il nome – sulle bancarelle venivano venduti anche diversi mammiferi.

Dopo che Débarre ha identificato le sequenze, GISAID le ha rimosse, indicando che la cancellazione è avvenuta su richiesta del team cinese. Questo team, che comprende l’ex capo dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) della Cina, George Gao, non le aveva rese pubbliche in precedenza, nonostante un preprint dello stesso gruppo – che escludeva la positività degli animali, suggerendo che il virus avesse avuto origine fuori dalla Cina e in qualche modo fosse arrivato a Wuhan – mostrasse alcune sequenze di animali nei campioni positivi al virus. Contattato da Science, Gao ha affermato che quelle sequenze non sono “niente di nuovo. Si sapeva che c’era un commercio illegale di animali ed è per questo che il mercato è stato immediatamente chiuso”.

L’analisi presentata martedì al panel dell’OMS suggerisce che alcuni campioni positivi al coronavirus contenevano DNA o RNA di cani procione, zibetti e altri mammiferi noti per essere altamente sensibili a SARS-CoV-2.

Le sequenze del mercato di Wuhan rimosse da GISAID

Débarre ha spiegato che lo scorso 4 marzo si è imbattuta “casualmente” in queste sequenze precedentemente sconosciute, mentre svolgeva altre ricerche su GISAID, impiegando più giorni per riconoscere la loro potenziale importanza. Ha quindi rapidamente contattato Andersen e altri coautori di due preprint pubblicati nel febbraio 2022 che supportavano la teoria dell’origine all’interno del mercato, documenti che l’hanno aiutata a pensare che il virus provenisse probabilmente da animali in vendita.

Michael Worobey, un biologo evoluzionista dell’Università dell’Arizona che è stato uno degli autori principali di uno degli articoli, ha affermato che lui e i suoi collaboratori stanno ancora analizzando le nuove informazioni genetiche e che le nuove prove consolidano la sua opinione sull’origine zoonotica di Sars-Cov-2. Il team ha anche spiegato di aver contattato Gao e colleghi per collaborare all’analisi delle sequenze del mercato scoperte e che, subito dopo, quei dati sono scomparsi da GISAID.

Worobey ha anche partecipato all’incontro del SAGO con Andersen e il virologo Edward Holmes dell’Università di Sydney, che ha scattato una foto di un cane procione in vendita nel mercato di Huanan nel 2014. (La Cina ha negato che il mercato vendesse mammiferi vivi fino a quando un documento del giugno 2021 non ha documentato il loro commercio per 2 anni prima della pandemia). “Speriamo molto presto di poter parlare di più delle nostre analisi una volta che saranno completamente concluse” ha affermato Worobey.

Débarre e colleghi hanno in programma di pubblicare un rapporto sulle loro scoperte una volta completata l’analisi, ma sperano che i ricercatori del team di Gao rendano le sequenze nuovamente disponibili. “Abbiamo esortato i CDC cinesi e i nostri colleghi a rilasciare questi dati il prima possibile” ha aggiunto Andersen, auspicando che il team cinese riveda il loro preprint includendo i dati completi delle sequenze del mercato di Huanan prima della ripubblicazione. “Come scienziati, possiamo lavorare insieme su questo”.

Il preprint del team di Gao ha recentemente visto variare il suo status su Research Square – una piattaforma di prestampa collegata alla famiglia di riviste Nature – cambiato da “pubblicato” a “in corso di revisione”. Le riviste spesso richiedono il deposito dei dati prima della pubblicazione, quindi una pubblicazione imminente potrebbe aver originariamente spinto il team a inviare i dati a GISAID.

66 CONDIVISIONI
32813 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views