Covid 19
27 Ottobre 2021
07:57

USA verso l’ok al vaccino anti Covid Pfizer ai bambini tra i 5 e gli 11 anni

Gli Stati Uniti potrebbero presto somministrare il vaccino anti Covid Pfizer anche ai bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni: ad esprimersi a favore è stato ieri un team di esperti consulenti del governo, mentre il pronunciamento definitivo della FDA è atteso per il primo novembre.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Gli Stati Uniti potrebbero presto somministrare il vaccino anti Covid Pfizer anche ai bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni: ad esprimersi a favore è stato ieri un team di esperti consulenti del governo e se nei prossimi giorni arriverà l'autorizzazione definitiva (raramente il parere di questo comitato non viene accolto dalla Food and Drug Administration,l'Fda), gli Usa sarebbero il primo Paese occidentale a vaccinare i bambini contro il Covid-19. Il pronunciamento degli esperti dell'Fda è arrivato dopo oltre sette ore di riunione, con 17 voti favorevoli e un'astensione. Il comitato ha stabilito che i vantaggi della somministrazione del vaccino Pfizer/BioNTech (2 dosi a 3 settimane di distanza, 10 microgrammi ciascuna, un terzo di quella degli adulti) sono superiori ai rischi anche per la fascia d'età presa in esame. Se è vero infatti che i bambini che si ammalano gravemente o muoiono di Covid-19 sono relativamente rari rispetto agli adulti, è altrettanto vero che talvolta possono sviluppare complicazioni; e i contagi nei bambini non vaccinati sono aumentati a causa della variante Delta del coronavirus, che è più facilmente trasmissibile. In Usa, in particolare, sono morti quasi 100 bambini durante la pandemia, quasi due milioni si sono contagiati e 8.300 sono stati ricoverati in ospedale.

Pfizer: "Nei bambini tra i 5e gli 11 anni efficacia al 90,7%"

Nei giorni scorsi Pfizer ha pubblicato i suoi dati sui bambini tra i 5 e gli 11 anni fa, dopo una sperimentazione condotta su 2mila partecipanti. Secondo la società farmaceutica, il suo vaccino è efficace al 90,7% e sarebbe stato in grado di generare una forte risposta immunitaria, paragonabile ai livelli di anticorpi osservati in studi precedenti su partecipanti di età compresa tra 16 e 25 anni; tale risposta, tuttavia, è stata conseguita con una dose di 10 microgrammi di vaccino, un terzo di quella somministrata ai più grandi e agli adulti. Quanto agli effetti collaterali tendono ad essere lievi e simili a quelli osservati nei giovani; a dosi più elevate, invece i ricercatori hanno osservato più effetti collaterali nei bambini più piccoli, tra cui febbre, mal di testa e affaticamento, sebbene nessun sintomo grave. L'autorizzazione dell'Fda è attesa per il 1 novembre; in seguito potrebbe a stretto giro partire la somministrazione del farmaco anche ai bimbi della fascia 5-11 anni negli Stati Uniti.

28314 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni