183 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
30 Maggio 2022
15:33

Ucraina, giornalista francese ucciso: Frédéric Leclerc-Imhoff morto durante evacuazione a Severodonetsk

La vittima è Frédéric Leclerc -Imhoff, reporter di BFMTV. Era accompagnato dal suo collega Maxime Brandstaetter, leggermente ferito durante l’attacco.
A cura di Antonio Palma
183 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Un giornalista francese è stato ucciso oggi in Ucraina durante un bombardamento russo che ha colpito un convoglio di evacuazione attorno alla città di Severodonetsk. A renderlo noto, postando le drammatiche immagini dei fatti, è stato il governatore regionale ucraino di Lugansk, Serhiy Gaidai. La vittima è Frédéric Leclerc, giornalista francese che stava realizzando un servizio proprio sulle evacuazioni dalla zona teatro di intensi combattimenti tra ucraini e russi dopo l'offensiva del Donbass scatenata da Mosca. Il segretario generale di Reporters sans frontières, Christophe Deloire, ha precisato, su Twitter, che "il nostro collega è stato colpito al collo", sulla "strada tra Lissitchansk e Bakhmout, nell'oblast di Lugansk".

La conferma della morte del giornalista è arrivata direttamente dal Presidente francese Macron. " Il giornalista Frédéric Leclerc-Imhoff era in Ucraina per mostrare la realtà della guerra. A bordo di un mezzo umanitario, insieme ai civili costretti a fuggire per sfuggire alle bombe russe, è stato colpito a morte da colpi di arma da fuoco" ha scritto Macron, aggiungendo: "Condivido il dolore della famiglia, dei parenti e dei colleghi di Frédéric Leclerc-Imhoff, a cui porgo le mie condoglianze. A coloro che svolgono la difficile missione di informare nei teatri di guerra, vorrei ribadire il sostegno incondizionato della Francia".

“La redazione di BFMTV e il gruppo Altice media con immenso dolore devono annunciare la scomparsa di uno dei nostri giornalisti. Frédéric Leclerc-Imhoff, un reporter, è stato ucciso lunedì sulla strada per Lyssytchansk nella regione di Severodonetsk, in Ucraina", scrive in un comunicato la redazione di BFMTV . “Il nostro giornalista stava coprendo la guerra in corso. Lunedi è stato vittima di schegge durante un'operazione umanitaria a bordo di un veicolo blindato. Era accompagnato dal suo collega Maxime Brandstaetter, leggermente ferito durante l'attacco, e dal loro accompagnatore, Oksana Leuta, che non è stata colpita"

Terribili le prime immagini dal luogo dell'accaduto con il giornalista esanime in una pozza di sangue a terra accanto al camion su cui si trovava e il cui parabrezza è stato visibilmente colpito dai proiettili, probabilmente schegge di un colpo di artiglieria russo. "Oggi il nostro veicolo blindato di evacuazione stava per prelevare 10 persone dalla zona ed è finito sotto il fuoco nemico. Un giornalista francese accreditato che stava facendo un servizio sull'evacuazione è stato colpito al collo ed ha riportato una ferita mortale, un poliziotto di pattuglia è stato salvato dall'elmetto" ha raccontato Gaidai.

L'attacco al convoglio, un camion con i colori dell'Ucraina e la scritta "Aiuti umanitari", e la conseguente morte del giornalista, hanno spinto le autorità locali a bloccare l'evacuazione dalla zona. "L'evacuazione è stata ufficialmente interrotta. Hanno sparato su un'auto che stava per prelevare delle persone e un giornalista francese è stato ucciso. Stiamo ufficialmente interrompendo l'evacuazione" ha aggiunto Gaidai sui suoi canali social.

La vittima è Frédéric Leclerc -Imhoff. Le autorità ucraine che hanno mostrato il suo pass da giornalista accreditato e se condo il tesserino il reporter era accreditato per l'emittente francese Bfmtv. "Le nostre condoglianze alla famiglia, agli amici e ai colleghi del defunto Frederick Leclerc-Imhoff" hanno scritto dall'account social delle forze armate ucraine. L'esercito russo bombarda un veicolo che dovrebbe evacuare i civili dalla zona di guerra vicino a Sieverdonetsk. Un giornalista francese che seguiva la missione è stato ucciso. Condanniamo fermamente questo omicidio. L'elenco dei crimini russi contro gli operatori dei media in Ucraina continua a crescere", ha twittato anche il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko.

L'area in cui è avvenuta la tragedia è ormai al limite del fronte con pesanti bombardamenti e scontri armati. "Il nemico avanza all'interno di Severodonetsk. Tre medici sono scomparsi in città, è stata trovata solo  la loro ambulanza. Le infrastrutture critiche della città sono state distrutte quasi al 100%, il 90% del patrimonio immobiliare è stato danneggiato, di cui il 60% in modo critico. La città è disseminata di cadaveri" ha dichiarato lo stesso Gaidai, ricordando che tutte le strade sono pesantemente bombardate ed è pericoloso spostarsi.

183 CONDIVISIONI
2701 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni