20 Settembre 2022
21:54

Scarcerato dopo 23 anni Adnan Syed, era accusato di aver ucciso l’ex: il caso nel podcast “Serial”

È uscito dal carcere dopo 23 anni Adnan Syed: era stato condannato all’ergastolo per l’omicidio dell’ex fidanzata. Il caso reso famoso dal podcast “Serial”, scaricato ben 300 milioni di volte nel mondo.
A cura di Ida Artiaco

È uscito dal carcere dove era recluso da ben 23 anni Adnan Syed, il cui caso è stato reso famoso in tutto il mondo grazie al podcast "Serial".

Syed, 42 anni, era stato condannato all'ergastolo nel 2000 per l'omicidio della sua ex fidanzata Hae Min Lee a Baltimora, sulla costa orientale degli Stati Uniti. Delitto di cui si è sempre dichiarato innocente.

Oggi un giudice americano ha annullato quella sentenza, dopo che la scorsa settimana il procuratore della città, Marilyn Mosby, aveva presentato una mozione per ribaltare il verdetto, affermando di avere dubbi sulla colpevolezza di Syed e chiedendo il suo rilascio.

Mosby ha spiegato di aver scoperto l'esistenza di "due sospetti alternativi", di cui non sono stati diffusi nomi e generalità, particolare che non era stato comunicato alla difesa prima del processo all'epoca. Quindi il magistrato Melissa Phin ha convalidato la richiesta del procuratore.

"Nell'interesse della giustizia e dell'equità, la mozione è accolta e l'imputato sarà rilasciato" e dotato di una cavigliera, ha dichiarato il giudice.

Syed è stato posto in libertà vigilata. Ora ci sono 30 giorni di tempo per decidere se istruire un nuovo processo o abbandonare il caso.

"Stenta a credere che sia vero" e "vuole passare del tempo con la sua famiglia", ha commentato il suo avvocato Erica Suter fuori dal tribunale, mentre lui saliva su un'auto senza rilasciare interviste.

L'incubo dell'oggi 42enne è cominciato nel 1999, quando la polizia ha trovato il corpo di Hae Min Lee, 18 anni, quasi senza vita in un bosco di Baltimora. Arrestato all'età di 17 anni, Adnan Syed è stato condannato all'ergastolo un anno dopo.

Secondo l'accusa, non sopportava che lei lo lasciasse per un altro uomo e l'ha strangolata. Syed ha sempre sostenuto la sua innocenza, affermando di essere vittima di pregiudizi anti-musulmani. L’avvocata di Adnan fu radiata un anno dopo per le macroscopiche carenze nella sua difesa.

Poi, nel 2014, un team di giornalisti ha condotto una controinchiesta, che è stata raccontata in dodici episodi nella prima stagione di "Serial", podcast scaricato ben 300 milioni di volte.

Un lavoro importante che nel 2018, 4 anni più tardi, ha portato alla riapertura del caso quando una corte d'appello del Maryland ha ordinato un nuovo processo, ritenendo che l'avvocato avesse fornito un'assistenza "inefficace" al suo cliente.

Dopo una serie di peripezie processuali, il caso è arrivato davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Nel 2019, il tribunale si è rifiutato di intervenire, il che sembrava porre fine alle sue speranze di rilascio. Ma il procuratore di Baltimora, che ha un'unità dedicata agli errori giudiziari, ha riaperto di nuovo il caso, che ha portato oggi alla scarcerazione di Syed.

Marco Eletti accusato di aver ucciso il padre, in aula l’abbraccio della mamma: “È innocente”
Marco Eletti accusato di aver ucciso il padre, in aula l’abbraccio della mamma: “È innocente”
Anastasia uccisa a coltellate dall'ex: il corpo trovato dopo ore di ricerche nelle campagne di Fano
Anastasia uccisa a coltellate dall'ex: il corpo trovato dopo ore di ricerche nelle campagne di Fano
Femminicidio Speranza Ponti: ergastolo e 18 mesi di isolamento diurno per l'ex Massimiliano Farci
Femminicidio Speranza Ponti: ergastolo e 18 mesi di isolamento diurno per l'ex Massimiliano Farci
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni