531 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
6 Ottobre 2022
08:49

Raid russi a Zaporizhzhia: colpiti edifici residenziali. Kiev: “Trovati corpi di civili torturati”

Almeno sette i bombardamenti russi su Zaporizhzhia dove sono stati colpiti edifici residenziali. Intanto le forze di Kiev denunciano il ritrovamento di cadaveri di civili torturati da Mosca.
A cura di Chiara Ammendola
531 CONDIVISIONI
Vittime di un attacco russo a Zaporizhzhia
Vittime di un attacco russo a Zaporizhzhia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Continua la risposta russa alla controffensiva ucraina nel sud del paese: questa mattina sono stati registrati sette bombardamenti da parte delle forze di Mosca su Zaporizhzhia, città capoluogo dell'omonima regione parzialmente occupata dai russi.

A essere colpiti soprattutto palazzi residenziali, così come denunciato dal governatore regionale, Aleksander Starukh, che su Telegram ha parlato di vittime civile: “I missili nemici hanno colpito degli edifici residenziali di Zaporizhzhia, che hanno subito notevoli danni e vi sono vittime", si legge nel messaggio nel quale il numero dei morti non viene chiarito perché al momento è ancora presto per riuscire a stabilire quanti civili siano rimasti sotto le macerie.

Civili sono anche le vittime i cui cadaveri sono stati ritrovati nelle scorse ore dalla polizia ucraina nel villaggio di Novoplatonivka, nella regione orientale di Kharkiv, liberato dalle forze di Kiev. Si tratta di due uomini, di età compresa tra i 30 e i 35 anni, ritrovati in una cava di sabbia a quattro metri di profondità. Le mani dei due uomini, come si evince anche da alcune foto pubblicate dai media ucraini, erano legate insieme con le manette, avevano ferite da arma da fuoco alla testa e soprattutto erano vestiti in abiti civili.

Intanto secondo un reportage pubblicato dal Wall Street Journal, le truppe ucraine si sarebbero appropriate in queste settimane di una enorme quantità di armi pesanti russe, trasformando di fatto la Russia, e non gli Stati Uniti, nel principale fornitore di armi all'Ucraina. Secondo gli analisti di intelligence intervistati dal quotidiano statunitense il tutto sarebbe giustificato dalle centinaia di carri armati, obici e veicoli blindati caduti nelle mani di Kiev nel corso delle sue offensive contro le forze di Mosca e dalle armi prese durante la ritirata della Russia dalla capitale e da altre parti dell'Ucraina settentrionale lo scorso aprile.

In termini numerici, secondo gli analisti, Mosca ha quindi superato di gran lunga gli Usa e gli altri alleati nella fornitura di armi, anche se quelle inviate dall'Occidente sono "più avanzate e precise" di quelle russe, commenta il Wsj. Secondo queste stime finora l'Ucraina ha catturato almeno 460 carri armati russi, 92 obici, 448 veicoli da combattimento di fanteria, 195 veicoli da combattimento blindati e 44 sistemi missilistici a lancio multiplo.

531 CONDIVISIONI
3148 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni