95 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

L’esercito israeliano sarebbe pronto ad attaccare Rafah: aumentano le tendopoli a Khan Younis

L’esercito israeliano sarebbe pronto ad attaccare Rafah, città che al momento ospita circa 1,5 milioni di civili palestinesi in fuga dai bombardamenti e dalla distruzione di Gaza.
A cura di Gabriella Mazzeo
95 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'esercito israeliano sarebbe pronto ad attaccare Rafah. Lo riporta Haaretz, che a sua volta cita un funzionario della Difesa israeliana menzionato dai media internazionali. Secondo quanto reso noto, l'esercito israeliano avrebbe condotto "tutti i preparativi necessari" per attaccare quello che considera "l'ultimo avamposto di Hamas", nella Striscia di Gaza. In realtà, a Rafah si trovano attualmente più di 1,4 milioni di rifugiati palestinesi che con un attacco diretto rischiano di morire sotto i bombardamenti o il decesso in seguito a fame, malattie e carestia.

Immagine

Nonostante gli appelli internazionali e gli altissimi rischi per i civili presenti nei campi profughi, l'esercito israeliano si è dichiarato pronto ad attaccare non appena "il governo darà la sua approvazione".

A destare ulteriori preoccupazioni, le dichiarazioni di una fonte egiziana che aveva rivelato al giornale arabo Al-Araby Al Jadeed con sede a Londra che gli Usa avrebbero concesso a Israele di attaccare Rafah in cambio di una "risposta limitata" nei confronti dell'Iran, che pure aveva disposto il lancio di alcuni missili e droni per rispondere al bombardamento della sede diplomatica iraniana a Damasco.

Immagine

Dal 16 aprile, secondo quanto reso noto da Associated Press che ha pubblicato alcune foto satellitari, le tendopoli in costruzione vicino a Khan Younis, nella Striscia di Gaza, si stanno ingrandendo, forse per i civili che da Rafah dovrebbero evacuare.

Un piano che la comunità internazionale aveva già ampiamente criticato poiché la maggior parte della Striscia di Gaza è stata distrutta dai bombardamenti e mancano le strutture essenziali per l'assistenza alle persone, ma che a quanto pare è comunque in preparazione.

Il governo israeliano non ha voluto rispondere alle domande dei media nazionali e internazionali sui preparativi delle tendopoli e l'ipotesi di un imminente attacco a Rafah.

Secondo l'ex speaker della camera Usa, Nancy Pelosi, Netanyahu resta "l'ostacolo più grande alla soluzione dei due Stati". Per Pelosi, il premier israeliano dovrebbe dimettersi.

"Netanyahu – ha spiegato Pelosi – è un ostacolo alla pace nell'area da anni. Non so se ne ha paura o se non la vuole. Riconosciamo il diritto di Israele a proteggersi, ma respingiamo la politica di Netanyahu".

95 CONDIVISIONI
819 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views