Conflitto in Ucraina
24 Marzo 2022
14:09

Russia-Ucraina, Biden incontra Stoltenberg: “Attacco ingiustificato, la Nato sostiene Kiev”

Il presidente americano Joe Biden ha ribadito la vicinanza della Nato a Kiev nella guerra contro la Russia. “Attacco ingiustificato e non provocato” ha affermato durante l’incontro con il Segretario generale dell’Alleanza Stoltenberg.
A cura di Gabriella Mazzeo
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg prima del vertice straordinario dell'Alleanza atlantica a Bruxelles. Durante l'incontro, il presidente americano ha ribadito massimo sostegno della Nato a Kiev. Biden ha definito quello della Russia un "attacco ingiustificato". "L'invasione non è stata provocata ed è del tutto ingiustificata da parte di Mosca". Biden e Stoltenberg hanno inoltre discusso la linea della Nato nel conflitto. Scopo comune, secondo quanto ribadito dal presidente degli Stati Uniti, è quello di "scoraggiare qualsiasi aggressione e difendersi nel conflitto".

Stoltenberg, dal canto suo, ha invece invitato Pechino a condannare l'invasione in Ucraina, invitandola a rivedere la "sua posizione sugli aiuti a Mosca". La Cina  ha risposto subito alle affermazioni, sostenendo che qualunque ipotesi di aiuti militari al Cremlino sia una "fake news"

Zelensky interviene al vertice Nato

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto al vertice Nato previsto in data odierna a Bruxelles chiedendo nuovamente sostegno militare per il Paese. "Avete almeno 20.000 carri armati – ha affermato in videoconferenza -. Ne abbiamo chiesto l'1%. Cedeteceli o vendeteceli. Abbiamo avuto risposte poco chiare".

Secondo il presidente ucraino, i mezzi militari servirebbero per sbloccare le città bombardate dai russi in cui le truppe del Cremlino inducono alla fame i cittadini distruggendo le strutture. Zelensky ha inoltre affermato che la Russia "distrugge deliberatamente i palazzi residenziali".

Nel corso del suo intervento Zelensky ha puntato nuovamente il dito contro Mosca, sostenendo che il Cremlino abbia disposto l'uso di bombe al fosforo bianco nel conflitto. Un'accusa già lanciata nella giornata di ieri dal sindaco di Irpin e respinta dal Portavoce dell'Ambasciata russa a Parigi. "Non è il nostro modo di fare – ha detto Alexander Makogonov rispondendo alla domanda di un giornalista sull'argomento -. Non è vero, ve lo assicuro".

2689 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni