1 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Guerra in Ucraina, bombe su Chernihiv: almeno 17 morti e 50 feriti. Zelensky: “Il sostegno conta”

Aggiornamenti di oggi, mercoledì 17 aprile, sulla guerra in Ucraina: bombe russe hanno distrutto condomini, una scuola e un ospedale a Chernihiv, nel nord del Paese. Il bilancio è di 17 morti e una cinquantina di feriti. Zelensky: “Non sarebbe successo se l’Ucraina avesse ricevuto sufficienti attrezzature di difesa aerea”.
A cura di Ida Artiaco
1 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Non si placa la tensione tra Russia e Ucraina. Nelle scorse ore missili sono caduti sulla città di Chernihiv, nel Nord del paese, al confine con la Bielorussia. Il bilancio aggiornato è di almeno 17 morti, tra cui due minori, e di una cinquantina di feriti, tra cui bambini. Ma potrebbe cambiare ancora, dal momento che le operazioni di soccorso sono ancora in corso.

Il bombardamento ha distrutto un edificio di otto piani, quattro condomini, un ospedale, una scuola e diverse automobili. Le autorità ritengono che potrebbero esserci persone sotto le macerie.

La zona è stata occupata all'inizio dell'invasione russa, ma negli ultimi due anni, dopo il ritiro delle forze di Mosca, è stata risparmiata dai combattimenti più duri. "Il nemico ha lanciato tre attacchi missilistici quasi nel centro della città. Ci sono civili uccisi e molti feriti. I soccorritori stanno lavorando ora", ha detto in un comunicato il governatore Vyacheslav Chaus.

Più duro è stato il presidente Zelensky, che su X ha scritto: "Continuano le operazioni di soccorso dopo un attacco missilistico russo. Le persone sono intrappolate sotto le macerie. Al momento, 10 persone risultano morte e 20 ferite. Le mie condoglianze alle famiglie e agli amici. Purtroppo, il bilancio delle vittime potrebbe salire. Questo non sarebbe successo se l'Ucraina avesse ricevuto sufficienti attrezzature di difesa aerea e se la determinazione del mondo a contrastare il terrore russo fosse stata sufficiente. Il sostegno conta".

Immagine

Dal canto suo, Kiev sempre oggi ha preso di mira una fabbrica di aerei Tupolev nel Tatarstan russo. L'obiettivo dell'attacco di droni era la fabbrica dove Mosca produce e ripara i bombardieri Tu-22M e Tu-160M. Lo hanno riferito alla RBC-Ucraina fonti dei servizi segreti, secondo cui la sirene antiaeree hanno suonato nell'area dello stabilimento Gorbunov di Kazan. Allo stesso tempo è iniziata l'evacuazione del personale.

Intanto, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha confermato che presto sarà ufficializzata una data per la visita in Turchia del presidente russo Vladimir Putin. "La visita avrà luogo, le delegazioni sono al lavoro e molto presto sarà fissata una data ufficiale per l'arrivo di Putin ad Ankara", ha detto Erdogan. La visita del leader russo, inizialmente prevista lo scorso febbraio, è stata poi rinviata.

1 CONDIVISIONI
4266 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views