224 CONDIVISIONI
Talebani a Kabul: le ultime news sull'Afghanistan
3 Settembre 2021
16:20

Chi è il mullah Abdul Ghani Baradar, l’uomo che potrebbe guidare il nuovo governo dei Talebani

Potrebbe essere lui secondo quanto trapelato da fonti vicine agli Studenti coranici, l’uomo a capo del nuovo governo talebano che potrebbe formarsi già nei prossimi giorni. Un governo di consenso guidato dal mullah Abdul Ghani Baradar, amico fraterno del mullah Omar col quale ha fondato i Talebani nei primi anni ’90, che dovrà affrontare una crisi economica e umanitaria senza precedenti in Afghanistan.
A cura di Chiara Ammendola
224 CONDIVISIONI
Mullah Abdul Ghani Baradar
Mullah Abdul Ghani Baradar
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Talebani a Kabul: le ultime news sull'Afghanistan

A governare l'Afghanistan potrebbe esserci il mullah Abdul Ghani Baradar, fondatore del gruppo insieme al mullah Omar e attualmente a capo dell'ufficio politico dei Talebani. L'indiscrezione, riportata questa mattina da Reuters, è trapelata da fonti vicine al movimento degli Studenti coranici. Accanto a lui dovrebbero esserci a ricoprire posizioni di rilievo il mullah Mohammad Yaqoob, figlio del Mullah Omar, e Sher Mohammad Abbas Stanekzai.

Alla ricerca di un governo di consenso

Il nome di Abdul Ghani Baradar giunge a pochi giorni dalla formazione del nuovo governo talebano che guiderà l'Afghanistan e che sarà chiamato, in quanto guida suprema, a risolvere tutte le questioni politiche, economiche e religiose che fanno camminare il Paese su un filo sottilissimo. "Tutti i massimi leader sono arrivati ​​a Kabul, dove sono in fase finale i preparativi per annunciare il nuovo governo", ha detto a Reuters un funzionario talebano che spiega che l'intenzione dei militanti dell'Emirato Islamico è quello di formare un governo di consenso anche se al suo interno ci saranno esclusivamente membri talebani. Un consiglio consultivo, 25 ministeri e 12 studiosi musulmani e una loya jirga prevista entro sei mesi che riunisca le figure più anziane e rappresentative del Paese. La legittimità del governo agli occhi dei donatori e degli investitori internazionali sarà cruciale, riporta Reuters, ma la priorità del nuovo governo al momento è quella di evitare il collasso di un'economia alle prese con la siccità e le devastazioni di un conflitto ventennale che ha ucciso circa 240.000 afgani.

Liberato dagli Stati Uniti mentre era in prigione in Pakistan

Tornato in Afghanistan dopo 20 anni di esilio lo scorso 21 agosto, Abdul Ghani Baradar è attualmente a capo dell'ufficio politico dei talebani ma è stato tra i fondatori dei Talebani agli inizi degli anni '90 insieme al mullah Omar di cui era un amico stretto: fu lui infatti a dare l'appellativo a Abdul Ghani di "Baradar", ovvero "fratello". Fu lui, secondo quanto si racconta, a caricare il mullah Omar ferito su una moto, dopo un attacco delle forze anti-talebane in seguito all’intervento americano in Afghanistan, e a portarlo in salvo sulle montagne al confine con il Pakistan. Dopo nove anni in un carcere pakistano è stato liberato nel 2019, quando su richiesta degli Stati Uniti è stato nominato il capo della diplomazia degli Studenti coranici. Infine il ritorno in Afghanistan ad agosto.

224 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni