40 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Perché la guerra in Ucraina sta facendo lievitare il prezzo di pane e pasta

Sul mercato stanno lievitando i prezzi di grano e, di conseguenza, anche quelli di alimenti come pane e pasta: non c’è da stupirsi, considerato che Russia e Ucraina sono considerate il granaio d’Europa, tra i principali produttori della materia prima.
A cura di Annalisa Girardi
40 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La guerra in Ucraina sta avendo un impatto sull'economia mondiale. E non solo per le sanzioni alla Russia. Sul mercato stanno lievitando i prezzi di grano e, di conseguenza, anche quelli di alimenti come pane e pasta: non c'è da stupirsi, considerato che Russia e Ucraina sono considerate il granaio d'Europa, tra i principali produttori della materia prima. Non sono quindi solo i prezzi di gas e petrolio a schizzare alle stelle in questi giorni: basti pensare che alla borsa di Chicago oggi il future del mais è volato ai massimi dal 2013 e quello del grano ha toccato i 10 dollari a staio.

Crescono quindi i prezzi delle materie prime alimentari e la guerra si fa sentire sugli export del grano. Secondo Assoutenti la pasta potrebbe arrivare anche a costare il 30% dell'anno scorso, mentre il prezzo del pane potrebbe aumentare nelle prossime settimane anche del 10%. Cifre considerevoli, anche considerando gli alimenti primari di cui si sta parlando. In generale, secondo altri analisti, i rincari su pane e pasta per gli italiani potrebbero anche arrivare ad essere del 50%, se il conflitto non terminerà a breve.

Il collettivo dei Consorzi agrari italiani (Cai) parla di "livelli mai visti prima d'ora". Per Coldiretti è "un'emergenza mondiale che riguarda direttamente l'Italia". In effetti per il nostro Paese l'Ucraina è il secondo fornitore di mais, oltre ad assicurare il 5% del grano che arriva ai nostri agricoltori, allevatori e trasformatori. In un colloquio con il Messaggero, da Coldiretti hanno fatto sapere che la situazione è molto grave e che le scorte disponibili potrebbero esaurirsi nel giro di pochi mesi. Intanto le spedizioni dal mar Nero sono di fatto bloccate a causa della guerra e non è chiaro quando il livello delle esportazioni potrà tornare alla normalità.

40 CONDIVISIONI
4316 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views