video suggerito
video suggerito
Emergenza lavoro

“No africane”: l’offerta di lavoro vietata alle donne nere in provincia di Caserta

L’annuncio pubblicato in rete da un hotel: “Cercasi donna delle pulizie per le camere”, poi la specifica: “No africane”. Accade in provincia di Caserta.
A cura di Giuseppe Cozzolino
173 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un'offerta di lavoro aperta a tutti, ma non alle donne africane. L'annuncio è apparso su un popolare sito che ospita ricerche di personale, offerte di lavoro e via dicendo: e non si tratta di un annuncio fittizio, perché a corredo c'è anche numero di telefono e nome dell'azienda che ha inserito la ricerca, senz'altro "particolare" e tendenzialmente razzista, specificando che non cercano donne africane.

Una "richiesta" ben chiara: nell'annuncio, infatti, viene scritto in lettere maiuscole per due volte, in apertura e chiusura dell'annuncio stesso, come a voler sottolineare ulteriormente che quel tipo di annuncio non è aperto a donne provenienti dal grande continente africano.

"Hotel cerca donna delle pulizie per le camere", recita l'annuncio che riguarda un albergo della provincia di Caserta, "si offre anche eventualmente un alloggio". Poi viene specificato che per ulteriori dettagli è possibile parlare direttamente con il proprietario, con tanto di numero di telefono.

In alto e in basso, le due scritte in caratteri maiuscoli "No africane", ironicamente il secondo proprio a margine dell'avviso che "il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, e a persone di tutte le età e tutte le nazionalità, ai sensi dei decreti legislativi 215/03 e 216/03", la dicitura standard che appare sotto tutti gli annunci ma che, in questo caso, appaiono anche come un evidente controsenso. In tanti, in Rete, hanno subito commentato l'annuncio, rimarcandone gli aspetti palesemente contraddittori e soprattutto sottolineando come "un annuncio del genere è chiaramente un annuncio razzista", come rimarcano diversi utenti dei social network.

173 CONDIVISIONI
165 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views