166 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Emergenza lavoro

Ho rinunciato al concorso scuola perché sono incinta di 8 mesi e per le prove mi sbattono dall’altra parte della Campania

La storia di Margherita, insegnante e incinta di 8 mesi, convocata per l’atteso Concorso scuola del 2024 ma dall’altra parte della Campania: “Ho chiesto supporto, nessuno ha risposto”.
A cura di Cir. Pel.
166 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Margherita, napoletana, è una insegnante. Scrive a Fanpage.it sull'onda dell'indignazione per ciò che le è accaduto.  Convocata per l'attesissimo concorso scuola 2024, ha deciso di non presentarsi. Margherita è incinta di 8 mesi. A farle decidere di non presentarsi è la mancata risposta ad un suo quesito fondamentale sulla necessità di non spostarsi per la prova.

È lei stessa a raccontare.

La prossima settimana ci sarà l'attesissimo concorso per la scuola. Le date per la scuola secondaria sono dal 13 al 19 marzo.

Sono iscritta alle prove e sono stata convocata il 14 marzo alle 8.00 a Montecorvino Rovella (Sa). Se non fosse che sono incinta di otto mesi e sono residente a Napoli.
Ho mandato già tre pec (28 febbraio, 1 marzo e 4 marzo) all'ufficio scolastico regionale allegando il certificato medico e non ho ottenuto alcuna risposta. Inutile dire che a telefono non rispondono.

Alcuni uffici scolastici regionali in Italia hanno messo a disposizione indicazioni per casi del genere e si dice che occorre dar notizia preventivamente di ostacoli a raggiungere la sede. «La convocazione in Campania invece – spiega Margherita – non contiene alcun riferimento».

Di qui la decisione: «Chissà quante donne in gravidanza saranno costrette a fare viaggi pericolosi o inutilmente lunghi solo perché l'USR Campania non risponde alle loro mail. Nel mio caso ho deciso di non andare: non mi sento serena a trascorrere così tante ore in macchina alla fine della gravidanza, sottoponendo me e il nascituro ad uno stress ingiustificato (già il concorso è stressante di per sé)».

E la lettera si conclude:

Mi sembra una discriminazione bella e buona nei confronti delle donne incinte in un momento storico in cui ci urlano dappertutto di fare figli, senza offrirci alcun sostegno nel momento del bisogno.

I miei figli continueranno ad avere una madre precaria perché lo Stato non mi tutela nemmeno nell'andare a svolgere un concorso.

Scrivi a Fanpage.it Napoli la tua storia di lavoro.

166 CONDIVISIONI
161 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views