15.376 CONDIVISIONI
Omicidio Carol Maltesi
30 Marzo 2022
7:56

Uccide Carol e la smembra, l’ammissione di Fontana: “Ho filmato tutto, l’ho colpita con un martello”

“L’ho colpita con un martello, poi le ho tagliato la gola. È stato un atto di pietà”. A dirlo nella sua confessione messa a verbale dai carabinieri è Davide Fontana, l’uomo reo confesso dell’omicidio di Carol Maltesi.
A cura di Filippo M. Capra
15.376 CONDIVISIONI
Davide Fontana (in primo piano) con la sua vittima Carol Maltesi, in arte Charlotte Angie
Davide Fontana (in primo piano) con la sua vittima Carol Maltesi, in arte Charlotte Angie
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Omicidio Carol Maltesi

Emergono ulteriori, agghiaccianti, dettagli circa la confessione di Davide Fontana, l'uomo reo confesso che ha ucciso e smembrato Carol Maltesi, la 26enne i cui resti sono trovati in alcuni sacchi di spazzatura. Fontana, ex compagno della vittima, ha confessato tutto ai carabinieri, raccontando, come riportano i principali quotidiani, che "dovevamo fare un video, il secondo più violento del primo".

L'ammissione di Fontana: L'ho colpita ovunque con un martello

Secondo le dichiarazioni riportate, Fontana avrebbe detto che a seguito della prima scena di sesso con Carol Maltesi, la coppia sarebbe salita "in camera da letto dove ho legato i suoi polsi al palo da lap dance e le ho messo un sacchetto di plastica nero sulla testa". La denuncia della scomparsa della 26enne Carol è arrivata proprio da Fontana che, andato dai carabinieri, ha raccontato come la ex fosse "andata via con la 500" salvo poi cambiare versione e dire di aver utilizzato lui stesso l'auto "fino a mercoledì o giovedì scorso". Come riporterebbero i verbali, il presunto assassino ha raccontato che "Carol era completamente nuda, sdraiata a terra a pancia in su. Le ho legato i piedi, ho preso un martello e ho cominciato a colpirla ovunque, dalle gambe in su". Poi, avrebbe aggiunto, "una volta arrivato alla testa ho cominciato a colpirla forte".

Le parole di Davide Fontana: Le ho tagliato la gola, è stato un atto di pietà

Fontana non ha saputo da spiegazioni del gesto: "Non so perché l'ho fatto, non ho idea di cosa sia successo. Lei si muoveva ma io continuavo a colpirla". Poi, dopo i violenti colpi, le ha tolto il sacchetto dalla testa: "Credevo fosse morta – ha detto ai militari -. Perdeva molto sangue e non sapendo che altro fare le ho tagliato la gola con un coltello da cucina". La ragazza era in agonia e Fontana ha descritto il gesto come "un atto di pietà". Dopo essersene andato, è tornato nell'appartamento e ha cominciato a smembrarne il corpo e gettarne i pezzi in cinque sacchi neri successivamente abbandonati a Borno. Il tutto, riportano gli inquirenti, con l'auto di Carol Maltesi di cui Fontana aveva anche il cellulare.

15.376 CONDIVISIONI
56 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni