120 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Instagram

Questi dati dicono che ogni giorno ci sono 100.000 bambini che ricevono molestie su Instagram

Un’inchiesta avviata da un procuratore generale del New Mexico sta rivelando nuovi dettagli sulla gestione dei contenuti per i minori sui social di Meta. Ora è troppo presto per avere un verdetto ma stanno emergendo diversi scambi interni tra i dipendenti dell’azienda.
A cura di Valerio Berra
120 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Raúl Torrez è il procuratore generale del New Mexico, negli Stati Uniti.. A dicembre del 2023 ha avviato una causa contro Meta, la società di cui fanno parte Instagram, Facebook e WhatsApp. L’accusa è molto larga: Meta non farebbe abbastanza per tutelare i minori iscritti alle sue piattaforme dai molestatori. La causa riguarda anche il Ceo di Meta: Mark Zuckerberg.

Al momento il procedimento avviato dal procuratore Raúl Torrez non si è ancora concluso ma nel frattempo stanno continuando a emergere documenti interni di Meta che ricostruiscono le decisioni dell’azienda su questi temi. Secondo il quotidiano The Guardian le ultime informazioni svelano che il numero di bambini oggetto di molestie sessuali arriva a circa 100.000 ogni giorno.

I documenti emersi nel processo

Al momento i documenti sono frammentati e soprattutto manca ancora una difesa da parte dell’azienda. Nonostante questo dalle mail interne stanno emergendo un po’ di storie e di scambi sul tema della sicurezza dei minori. C’è un passaggio di mail del 2020 che commenta il caso di una bambina di 12 anni figlia di un dirigente Apple che è stata molestata su Instagram: “Questo è il genere di cose che fanno arrabbiare Apple al punto da minacciarci di rimuovere la nostra app dal loro store”.

O ancora. Nel 2021 una presentazione interna all’azienda spiegava che Meta avrebbe ssttoinvestito per tutelare i minori da alcuni contenuti come i commenti con riferimento al sesso sotto i loro post. Al momento si tratta ancora di dati grezzi. Impressioni, frasi, slide di presentazione o memo interni. Ci vorrà ancora tempo per un quadro generale.

Come proteggere i minori su Meta

A inizio gennaio 2024 Meta ha introdotto una nuova serie di policy per i minori iscritti alla piattaforma. L’opzione si chiama "Controllo dei contenuti sensibili” per Instagram e “Riduci” Su Facebook. In breve queste opzioni permettono di filtrare i contenuti sensibili che arriveranno sulla bacheca degli utenti. Con questi filtri attivi, alcune ricerche fatte dagli utenti su un elenco di temi saranno bloccate direttamente. La funzione, già presente per temi come suicidio o disturbi alimentari, verrà potenziata con i nuovi aggiornamenti.

120 CONDIVISIONI
73 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views