video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Il nuovo business della resurrezione artificiale: come funziona e perché è un problema

In Cina le pompe funebri stanno creando avatar dei defunti utilizzando l’intelligenza artificiale, potrebbero cambiare per sempre il modo in cui soffriamo.
A cura di Elisabetta Rosso
69 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Per superare un lutto spesso gli psicologi consigliano ai pazienti di parlare a una sedia vuota, come se la persona scomparsa fosse seduta lì di fronte, e provare a immaginare le risposte che avrebbe dato. Ora questo sforzo potrebbe non servire più. La possibilità di comunicare con i morti è stato per secoli il sogno proibito tra tavola ouija e sedute spiritiche, con i progressi dell'intelligenza artificiale e della tecnologia vocale abbiamo creato un nuovo business: la resurrezione artificiale. 

In Cina le pompe funebri utilizzando già foto, video, registrazioni vocali dei defunti per creare avatar che durante il funerale recitano qualche frase di commiato. Sono sbiaditi e in trasparenza, simili a ologrammi che cercano di comunicare dall'aldilà. Ci sono anche gli utenti che scaricano app per chattare con la nonna deceduta, e un documentario sudcoreano "Meeting You", mostra anche una giovane madre che indossa un visore per incontrare la figlia defunta di sette anni. In realtà quando le macchine fotografiche nel 19° secolo entrarono nelle case delle persone non era strano posizionare i morti su una poltrona, incipriarli e fotografarli insieme al resto della famiglia. Qualcosa che ora troveremmo strano e inquietante, un po' come i chatbot che parlano al posto dei defunti.

In realtà c'è qualcosa di profondamente umano nel ricordare, e in un certo senso far tornare i nostri cari. Appendiamo foto alle pareti, visitiamo i cimiteri e raccontiamo le loro storie, il problema è che d'ora in poi rischia di non essere più un discorso a senso unico.

Come funziona la resurrezione digitale

I chatbot vengono alimentati con tutti i dati a disposizione, foto, audio, video, mail. Ci sono vere e proprie agenzie specializzate nella creazione degli avatar dei defunti, per consentire alle persone di parlare tramite chat video, SMS, telefono o creare un assistente vocale di qualcuno che non è più in vita.

Spesso riascoltare la voce di una persona cara defunta può essere utile a superare il lutto, è importante però ricordare sempre che i robot possono catturare solo una piccola parte di qualcuno. Non sono senzienti e non sostituiranno le relazioni umane. 

I problemi dei bot digitali

I nuovi bot alimentati dall'intelligenza artificiale aprono una spaccatura etica. Conversare con le versioni digitali dei nostri cari potrebbe prolungare il dolore e creare uno scollamento dalla realtà. In modo ancestrale c'è sempre stato il timore di giocare con la morte, e con la resurrezione digitale sembra di superare un confine pericoloso.

Non solo, nasceranno anche problemi dal punto di vista legale, se le repliche digitali diventeranno mainstream, bisognerà creare nuovi processi e norme relative alla nostra eredità online.

69 CONDIVISIONI
448 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views