301 CONDIVISIONI
Covid 19
6 Dicembre 2022
18:57

Lo stress della pandemia ha invecchiato prematuramente il cervello dei giovani

Lo indicano i risultati di una nuova ricerca ha riscontrato un più alto livello di invecchiamento cerebrale nei ragazzi che hanno affrontato i lunghi periodi di lockdown.
A cura di Valeria Aiello
301 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Come noto, i lockdown Covid hanno avuto un impatto maggiore nei giovani, influendo negativamente sulla loro salute mentale. Fino ad oggi non era però stato ancora compreso che cosa, fisicamente, sia davvero accaduto nel loro cervello. Un nuovo studio, appena pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry: Global Open Science da un team di ricerca della Stanford University, in California, ha tuttavia chiarito l’aspetto neurologico del problema, rivelando il reale impatto di isolamento e restrizioni sul cervello dei ragazzi.

L’analisi, che ha confrontato le risonanze magnetiche cerebrali di 163 adolescenti effettuate prima e durante la pandemia, ha mostrato che gli stress legati alle limitazioni Covid hanno alterato fisicamente il cervello dei ragazzi, facendo apparire le loro strutture cerebrali “diversi anni più vecchie di quelle dei loro coetanei prima della pandemia” hanno rilevato gli studiosi.

La pandemia ha invecchiato prematuramente il cervello dei giovani

Alcuni cambiamenti nella struttura del cervello, ha precisato lo psicologo Ian Gotlib, che è l’autore principale dello studio, si verificano naturalmente con l’avanzare dell’età. “Durante la pubertà e la prima adolescenza, i ragazzi sperimentano una maggiore crescita sia nell’ippocampo sia nell’amigdala, aree del cervello che rispettivamente controllano l’accesso a determinati ricordi e aiutano a modulare le emozioni. Allo stesso tempo, i tessuti della corteccia, un’area coinvolta nelle funzioni esecutive, si assottigliano”. Ciononostante, analizzando le diverse scansioni cerebrali, i ricercatori hanno mostrato che questo processo di sviluppo è stato accelerato negli adolescenti che hanno affrontato i lockdown Covid. “In precedenza – ha osservato Gotlib – questo tipo di cambiamenti nell’età cerebrale erano stati riscontrati soltanto nei bambini che hanno sperimentato avversità croniche, dovute a violenza, abbandono, disfunzioni familiari o una combinazione di più fattori”.

Non è ancora noto se tali cambiamenti saranno permanenti e se, come nei ragazzi che hanno sperimentato esperienze negative, saranno associati a scarsi risultati di salute mentale più avanti nella vita. “Non sappiamo se, alla fine, la loro età anagrafica raggiungerà quella cerebrale, o se il loro cervello sarà permanentemente più vecchio – ha aggiunto il professor Gotlib, che è anche direttore del laboratorio Stanford Neurodevelopment, Affect, and Psychopathology (SNAP) presso la Stanford University – . Per un settantenne o un ottantenne, ci aspetteremmo alcuni problemi cognitivi e di memoria basati sui cambiamenti nel cervello, ma cosa significa per un sedicenne avere un cervello invecchiato prematuramente?”.

301 CONDIVISIONI
32447 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni