0 CONDIVISIONI

Investire nel mattone piace ancora

C’è chi acquista la propria casa dei sogni e chi investe, ma il risultato è che il mercato immobiliare nel 2022 sembra godere di buona salute. Scopriamo quali sono le strategie meno conosciute rispetto al tradizionale acquisto con mutuo, come l’asta al centesimo.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
Immagine
A cura di Ciaopeople Studios
0 CONDIVISIONI
Immagine

Dal Dopoguerra a questa parte la percentuale italiana dei proprietari di case è notevolmente salita passando negli ultimi anni da meno del 50% a oltre il 70%. L’Italia non è fra i Paesi europei con la percentuale più alta di proprietari: davanti a lei la Spagna con il 78% dei proprietari, Norvegia, Malta e Serbia con l’80%, ma soprattutto la Romania e la Croazia, entrambe con percentuali abbondantemente oltre il 90%.

Il mercato delle case in Italia negli ultimi anni

L’acquisto di una casa per la maggior parte rappresenta l’inizio di un nuovo progetto di vita o di un nuovo lavoro, per altri, invece, una semplice modalità di investimento per abbattere oscillazioni di altri mercati e un’inflazione in crescita. Il risultato è che nel 2021 la compravendita delle case è stata importante: secondo l’ISTAT solo nel IV trimestre 2021 sono avvenute 280.532 convenzioni notarili di compravendita e di altre convenzioni a titolo oneroso segnando un +0,5% rispetto al trimestre precedente e un +14,4% su base annua. Il 2022 ha seguito questa scia positiva, sebbene a intensità inferiori. L’indagine Fimaa-Confcommercio (Fimaa è la Federazione italiana mediatori agenti d’affari) evidenzia che secondo gli operatori la crescita delle compravendite prosegue, anche se il 51,2% segnala una riduzione dell’offerta. È una situazione ancora dinamica, probabilmente dovuta alle agevolazioni per tutto il 2022 dedicate ai giovani under 36 (mutuo fino al 100% e esenzione imposte) e ai tassi di interesse dei mutui, interessanti nonostante il contesto attuale.

Non solo mutui: il “rent to buy”

Per gli over 36 l’importo finanziabile attraverso un mutuo non arriva mai a superare l’80% del prezzo dell’immobile. All’anticipo del 20% si devono aggiungere i costi notarili e le imposte. Ma al di là del ricorso al mutuo come modalità di acquisto di una casa, quali sono gli strumenti alternativi che gli italiani hanno per comprare casa? Uno dei modi più conosciuto è il “Rent to buy”, l’affitto per comprare: davanti a un notaio l’acquirente futuro e il proprietario stabiliscono le condizioni economiche e la durata dell’affitto in funzione dell’acquisto. L’acquirente si comporta come un conduttore e deve pagare un canone di affitto, di cui una quota è a fondo perduto e un’altra, invece, funge da anticipo sull’acquisto dell’immobile che deve essere effettuato alla fine del tempo stabilito come da accordi pregressi. In caso contrario l’acquirente deve lasciare libero l’immobile.

Leasing Immobiliare e soluzioni alternative per acquistare casa

L’altra modalità per l’acquisto della prima casa è il Leasing Immobiliare e funziona come quello degli autoveicoli. L’istituto di credito concede il leasing all’acquirente che lo richiede a fronte di un canone mensile e del riscatto finale che avviene al pagamento dell’ultima rata. In quel momento si diventa pienamente proprietari dell’immobile.

Una delle modalità più ricorrenti soprattutto per chi investe è il ricorso alle aste: si dividono in aste giudiziarie e in aste al centesimo: nel primo caso, a seguito del procedimento di espropriazione dei beni di un debitore, l’immobile viene messo in asta per reperire la cifra necessaria a ripagare il debito. Nel secondo caso, invece, ci si aggiudica il bene se, in base al tempo prestabilito, si riesce a fare l’offerta migliore sulle altre. Viene chiamata al centesimo perché il prezzo si alza di un ammontare minimo, solitamente di pochi centesimi, a ogni offerta: prima di fare l’offerta bisogna avere dei tokens digitali che si sono precedentemente acquistati. Si stanno diffondendo in modo capillare nel mondo del web, anche se finora questa tipologia è stata utilizzata esclusivamente per la compravendita di beni di consumo. Ma che succede quando si utilizza per la compravendita di beni immobili? Lo abbiamo chiesto a Daniele Caselli, CEO della start-up Clikkiclikki Ltd., la prima piattaforma digitale dedicata ad aste al centesimo private di beni immobiliari.

D: Quali sono i vantaggi del metodo adottato da Clikkiclikki?

R: Il primo vantaggio è di carattere economico. Con le aste al centesimo di Clikkiclikki, per la prima volta in assoluto, i venditori e i compratori saranno felici nello stesso momento: i primi potranno vendere al prezzo massimo e i secondi potranno comprare al prezzo minimo. In aggiunta, il modello d’asta della nostra piattaforma prevede che a tutti gli utenti non-aggiudicatari verranno restituiti i tokens spesi per i rilanci. In questo modo l’utente potrà riutilizzarli sul nostro sito. Il secondo vantaggio è la sicurezza. Sebbene si tratti di una piattaforma online, abbiamo messo in piedi un sistema che permette agli utenti interessati di visitare personalmente l’immobile prima di iscriversi all’asta e in più è possibile scaricare tutta la documentazione legale dell’immobile direttamente dal nostro sito.

D: Per chi è pensato un sito come Clikkiclikki?

R: A parte il requisito legale della maggiore età per poter partecipare alle aste, direi che Clikkiclikki è pensata sia per chi è interessato a fare investimenti ad alto rendimento, sia per chi sta cercando casa ma non vuole o non può spendere una fortuna. Vi basti pensare che per l’iscrizione all’asta sono sufficienti poche decine di euro.

D: Ci sono aste in programma al momento?

R: Il 22 luglio 2022 andrà in asta sul nostro portale un bellissimo Trilocale situato nel centro storico di Firenze. Le iscrizioni stanno salendo velocemente e prevediamo che a breve tutti i posti disponibili si esauriranno.

Contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios.
0 CONDIVISIONI
 
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views