"La faccio finita, voglio uccidermi": Jessica Dell'innocenti si sarebbe suicidata lanciandosi a tutta velocità con la sua auto contro un colonnina del gas. Si tratta di una delle ipotesi al vaglio degli investigatori che stanno facendo luce sulla morte della ragazza di 18 anni, deceduta in un incidente stradale avvenuto la sera dell'8 febbraio a Mignagola (Treviso). L'ipotesi del suicidio è sorta quanto una cugina di Jessica Dell'Innocenti ha riferito agli investigatori che la 18enne, poco prima dell'incidente, le aveva espresso la volontà di togliersi la vita. A parlare di questo drammatico aspetto sono i giornali locali.

L'incidente è avvenuto in via Sparcenigo a Mignagola (nella frazione di Carbonera), in provincia di Treviso. Jessica aveva preso da poco la patente, era originaria di Fossalta di Piave ma viveva a San Biagio e faceva la parrucchiera. La 18enne si sarebbe messa alla guida della sua auto, una Fiat Punto, con l'obiettivo di uccidersi: dopo aver guidato per un po' tra le strade di Minganola l'incidente terribile. Mentre procedeva a velocità sostenuta, un'improvvisa sbandata, poi l'impatto devastante contro una colonnina del gas. Non una distrazione, pare, ma un gesto maturato nella testa della giovanissima stando al racconto dei giornali locali.

Lo scontro ha distrutto completamente la parte anteriore dell'auto: per la giovane inutile ogni tipo di soccorso da parte dei sanitari. Sul posto sono immediatamente intervenuti vigili del fuoco, polizia stradale di Treviso e il Suem 118. Per Jessica, come riporta La nuova Venezia, lo stesso destino del padre Romeo Dell'Innocenti: l'uomo morì il 13 gennaio 2015, dopo un terribile incidente. L'auto in cui si trovava finì in una scarpata mentre era inseguita dalla polizia dopo un furto ad uno sportello bancomat.