Un 27enne di origini romene, Gheorge Balan, residente a Bovolone (Verona), è morto nella notte dopo che il gommone sul quale si trovava con un amico, per una battuta di pesca sul Canale Fratta, a Merlara (Padova), si è rovesciato. L’altro giovane, connazionale della vittima, è riuscito a raggiungere la riva a nuoto, e così si è salvato. Proprio quest’ultimo ha dato però l’allarme parecchie ore dopo, probabilmente perché sotto choc, chiamando i carabinieri verso l’alba. I vigili del fuoco hanno dapprima recuperato l’imbarcazione, un chilometro dal luogo dell’incidente, poi, proseguendo le ricerche più a valle del fiume, sono riusciti a ripescare il 27enne, purtroppo per l’uomo non c’era già più nulla da fare.

Il gommone, forse anche per il peso del materiale con cui i due stavano pescando, si è capovolto in punto del canale dove c’è un cambio di livello del corso d’acqua. I sommozzatori dei pompieri di Vicenza insieme alla squadra nautica dei colleghi di Este hanno prima trovato il gommone (a circa un chilometro e mezzo dal punto del rovesciamento) e il corpo senza vita dell’uomo – residente a Bovolone – quattro chilometri più a valle. Sul posto il personale medico del Suem, che ha constatato la morte, e i carabinieri.