Greg Alyn Carlson, uno dei latitanti più pericolosi degli Stati Uniti accusato di molteplici episodi di violenza sessuale a Los Angeles, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco nel corso di una sparatoria con la polizia avvenuta ieri mattina in Carolina del Sud: l'uomo alcuni mesi fa era stato inserito nella lista dei dieci ricercati più pericolosi dell'FBI ed è stato individuato dopo un'attenta attività investigativa durata mesi. La sua automobile è stata trovata nel parcheggio di un hotel di Apex, e immediatamente è stato dato l'allarme alla stazione di polizia della città che ha organizzato un blitz in piena regola con lo scopo di catturare Carlson.

I poliziotti hanno fatto irruzione nella stanza d'hotel in cui alloggiava il criminale, che tuttavia pur essendo accerchiato non si è arreso. Al contrario, ha estratto la pistola ed ha aperto il fuoco contro gli agenti, che hanno risposto colpendolo e uccidendolo.

Greg Alyn Carlson era indagato dal 2017, da quando organizzò un furto con scasso a Los Angeles e, contestualmente, di violenza sessuale su una donna. I test del dna nei suoi confronti l'hanno poi ricollegato a due episodi di abusi sessuali risalenti al 2003. Arrestato nel settembre del 2017, è riuscito ad evadere beneficiando della libertà condizionale. Individuato in Alabama, riuscì a fuggire a un rocambolesco inseguimento di polizia per ricomparire alcuni mesi dopo in Florida, facendola franca anche in quel caso. Ieri la sua auto è stata individuata nel North Carolina: è scattato il blitz di polizia che, purtroppo, è culminato con la morte del ricercato.