La brutalità con cui gli agenti della polizia di New York cercano di strappare il figlio di 1 anno dalle braccia della madre
in foto: La brutalità con cui gli agenti della polizia di New York cercano di strappare il figlio di 1 anno dalle braccia della madre

“State facendo male al mio bambino”, continua a ripetere Jazmine Headley, una donna di 23 anni, tenendo stretto a sé il figlio di appena un anno. E ancora: “Vi prego, lasciatemi”. È bufera sulla polizia di New York dopo la pubblicazione del video in cui si vedono quattro agenti cercare di strappare il piccolo dalla braccia della madre. La scena, ripresa da un cellulare e postata su Facebook, è avvenuta venerdì scorso in un centro per i servizi sociali di Brooklyn dove la donna si era recata per ottenere dei buoni pasto per l’asilo del bambino. Da quanto è emerso, la giovane, dopo aver atteso il suo turno per quattro ore, non essendoci sedie libere si è accovacciata sul pavimento. Subito è intervenuto l’addetto alla sicurezza che le ha ordinato di alzarsi. Di fronte al suo rifiuto, la guardia ha chiamato la polizia per allontanare la donna. Ma quando sono arrivati quattro poliziotti, tra cui una sergente, ne è nata una colluttazione.

La violenza degli agenti ha suscitato la reazione dei presenti che hanno cominciato ad urlare. È a quel punto che una donna poliziotto estrae dalla fondina un Taser, la pistola elettrica in dotazione, e minaccia le persone che le stanno attorno. Alla fine, dopo oltre due minuti, i poliziotti riescono ad ammanettare Headley e a portarla via in stato di arresto. “Non c’erano posti disponibili per questa signora così si è seduta sul pavimento in un angolo – ha scritto una testimone – sono disgustata dal comportamento della polizia di New York. Sono una madre anch'io e sarei impazzita se fosse capitato a me. Avrebbero dovuto uccidermi”. "Il bambino non smetteva di piangere”, ha raccontato Nyashia Ferguson, un’altra donna presente e che per prima ha diffuso il video.

La pubblicazione del filmato sui social network ha suscitato l’indignazione di moltissimi americani che hanno visto la brutalità della polizia contro una donna indifesa, e per giunta accompagnata da un bimbo di 1 anno. “Tre agenti della polizia e un sergente che cercano di strappare un bambino dalle mani di una madre. Non c’era nessuna minaccia, nessuna emergenza, solo brutale disprezzo per il benessere della madre e del piccolo”, ha scritto Alex S. Vitale, un professore di sociologia presso il Brooklyn College.

“È inaccettabile, spaventoso e straziante”, ha commentato Corey Johnson, il presidente del consiglio comunale di New York. "Mi piacerebbe capire cosa è successo e come gli agenti giustificano tutto questo”, ha detto il politico.

Secondo la versione fornita dalla polizia di New York, gli agenti sono intervenuti dopo una chiamata dal centro. Dopo aver chiesto diverse volte a Headley di andarsene, hanno deciso di arrestarla. La giovane madre si trova detenuta nella prigione di Rykers Island, mentre il figlio è sotto la custodia di un parente. Il 13 dicembre è atteso il processo a suo carico: Headley dovrà rispondere di resistenza all'arresto, ostruzione dell'amministrazione governativa, violazione di domicilio e di aver agito in modo dannoso per il bambino.

Letitia James, difensore civico nella Grande Mela, ha rilasciato una dichiarazione in cui ha chiesto che venga realizzata un’inchiesta e i risultati resi pubblici. “Nessuna madre vuole provare il trauma e l'umiliazione che tutti abbiamo visto in quel video”. E ha aggiunto una verità che molti dimenticano: “Essere poveri non è un reato”.

Anche il sindaco di New York, Bill de Blasio, è intervenuto chiedendo che la polizia faccia chiarezza sull'episodio che ha definito "inquietante". Le tremende immagini che mostrano la brutalità degli agenti hanno riacceso la polemica negli Stati Uniti sui metodi usati dalle forze dell’ordine. Al centro delle accuse ci sarebbe il razzismo della polizia per eseguire fermi e arresti di persone afroamericane o latine.