Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

"È sconcertante  e sinceramente non me lo aspettavo" così Nino, un ciclista modenese, ha commentato quanto gli è capitato nei mesi scorsi mentre pedalava per le strade di Castelvetro di Modena. Dopo essere stato investito da un'auto di passaggio ed essere finito anche in ospedale con varie fratture, infatti, si è visto consegnare a casa anche bene due multe relative allo stesso episodio tra cui una per mancanza del campanello della bici. "Due multe per 90 euro complessivi non me le aspettavo, mi sembra quasi un accanimento", ha dichiarato l'uomo a La Gazzetta di Modena che ha raccontato la sua storia.

Nell'incidente Nino aveva riportato una frattura dell’omero che gli è costata un ricovero d’urgenza a Baggiovara e 40 giorni di prognosi con una lunga riabilitazione. Proprio durante la degenza a casa gli sono state recapitate due multe da parte della polizia municipale intervenuta sul luogo dell'investimento: oltre a quella del campanello, anche una per mancanza di giubbotto catarifrangente. "La municipale avrà anche fatto il proprio dovere – ma devo riscontrare atteggiamenti incongruenti. Sono venuti a casa mia, dopo le dimissioni dall’ospedale, dicendomi che la dinamica appariva molto chiara e che l’automobilista aveva ammesso le proprie responsabilità e di essere stato distratto dal telefono. Ma poi, a distanza di settimane, mi vengono notificate due multe che mi sconcertano" ha dichiarato l'uomo che ha pagato quella del campanello ma fatto ricorso contro la seconda multa, sostenendo che il giubbotto lo aveva ma che gli è stato tolto dai soccorsi medici