"Sembra un terrorista islamico", "Si trattano bene nei centri di accoglienza". E poi ancora: "Chi ti ha fatto uscire dalla gabbia?". Sono solo alcuni dei tanti commenti che appaiono sotto la foto del cestista dell'Nba James Harden, pubblicata sulla pagina Facebook di Adidas per il suo 70esimo anniversario. Quella del celebre marchio sportivo tedesco non è una scelta casuale. Harden attualmente riceve 228 milioni di dollari per 6 anni (il contratto più oneroso di sempre) dall’Adidas. Ma non appena la pagina Facebook italiana della multinazionale ha pubblicato il post con la sua immagine, con una didascalia relativa ai termini della promozione per i 70 anni, si è scatenato l’inferno: “Ma questo chi è? Quello che smaltisce i vostri rifiuti?” o “Chi è questa capra?”. La sua unica colpa? Avere la pelle scura e una folta barba (che, poi, sarebbe anche la caratteristica che lo ha reso noto a tutto il mondo come "Il barba").

La denuncia contro gli attacchi razzisti è stata lanciata dalla pagina Facebook de ‘La giornata tipo': “James Edward Harden è uno dei più forti giocatori al mondo di pallacanestro – scrivono – L’ Adidas lo sceglie come testimonial. E la reazione sui social in Italia è questa”.

Chi è James Harden

James Harden a neanche 30 anni è già da una delle più grandi stelle della pallacanestro americana. Da giovane frequenta l’Arizona State, tra le più celebri università pubbliche degli Stati Uniti. E qui inizia a mostrare le sue abilità. Nel 2009 si dichiara eleggibile per la NBA e viene scelto da Oklahoma (3° scelta assoluta) squadra in cui milita per 3 anni fino al passaggio a Houston, nel 2012. Harden ha vinto l’oro alle Olimpiadi 2012 e ai mondiali 2014 con gli USA e da 6 anni è stabilmente uno dei migliori marcatori della lega americana. Nel 2017-2018 è stato eletto Mvp della regular season (miglior giocatore) ed ha vinto la classifica marcatori (maggior numero di punti segnati) con una media mostruosa di 30,4 punti di media a partita.