Immagine di archivio
in foto: Immagine di archivio

Dramma della solitudine ad Ancona dove un uomo di 75 anni è morto da solo nella sua abitazione senza che nessuno si accorgesse di lui o lo cercasse per almeno dieci giorni. La tragedia scoperta nella mattinata di lunedì 20 maggio, intorno alle 11,  dopo che i vicini di casa dell'uomo hanno lanciato l'allarme con una chiamata al numero di emergenza nella quale hanno spiegato che da alcuni giorni avvertivano un cattivo odore provenire proprio da quell'appartamento mentre l'uomo che viveva all'interno non rispondeva al campanello. Quando gli agenti di polizia e i vigili del fuoco sono accorsi sul posto, hanno subito capito cosa stava accadendo. Dopo aver sfondato la porta della casa, infatti, davanti ai loro occhi si è presentata una scena agghiacciante. Nella cucina dell'abitazione giaceva il corpo senza vita del 75enne in avanzato stato di decomposizione. Era seduto, riverso su un lato, probabilmente stroncato da un malore.

Secondo il medico legale, fatto arrivare sul posto successivamente per un esame esterno del cadavere, l’uomo era morto da almeno una decina di giorni. In tutto questo tempo nessuno si era preoccupato di lui e nessuno lo aveva cercato. Del resto il settantacinquenne, originario di Macerata, viveva da solo in quella casa, non aveva moglie né figli e nessun parente in città. Dai primi esami effettuati sul corpo, invece, non ci sono dubbi sul fatto che l’uomo sia morto per cause naturali. Pare che l'uomo soffrisse anche di gravi patologie. Sull'esatta causa di morte si dovrà comunque attendere l'autopsia. Il cadavere, dopo essere stato recuperato  dai vigili del fuoco con appositi autorespiratori visto lo stato di decomposizione, è ora a disposizione della magistratura