news

Storia di Elizabeth, la ragazza discriminata da Salvini che ora ha perso anche il lavoro

Elizabeth Arquinigo Pardo, la ragazza straniera che vive e lavora in Italia da anni e che vorrebbe ottenere la cittadinanza, ha scritto nei mesi scorsi al ministro Matteo Salvini. Ora ha perso il lavoro, da un giorno all'altro. In Questura a Milano, dove lavorava come interprete, le hanno detto di non presentarsi più in ufficio, senza però fornirle alcuna spiegazione.

Il ministro degli Interni l'aveva chiamata sua "amica", ma adesso l'Italia sembra averle voltato ancora una volta le spalle. Elizabeth Arquinigo Pardo, la ragazza peruviana di 28 anni, che da oltre 18 anni vive In Italia, con Matteo Salvini ha dialogato a distanza nei mesi scorsi: il decreto Sicurezza aveva rallentato l'iter che le avrebbe consentito di ottenere la cittadinanza italiana, e per questo Elizabeth ha scritto per tre volte al vicepremier, cercando di segnalare la situazione di difficoltà, vissuta da lei in prima persona, ma anche da altri stranieri che vivono e lavorano regolarmente in Italia da diversi anni. La ragazza aveva pubblicato anche un libro, ‘Lettera agli italiani come me', per cercare sensibilizzare le istituzioni. Ma la risposta che ha ottenuto questa volta dallo Stato non è stata incoraggiante: Elizabeth si è sentita ancora una volta vittima di discriminazioni.

Fino al mese scorso Elizabeth lavorava come interprete alla Questura di Milano, assunta con un contratto di collaborazione con da un'agenzia europea (EASO), che ha stipulato attraverso una cooperativa che faceva da intermediaria, e che aveva ricevuto l'appalto per fornire il servizio di traduzione. Per l'agenzia europea Elizabeth traduceva i colloqui dei richiedenti asilo, un lavoro che svolgeva con la massima dedizione e professionalità, come le ha sempre riconosciuto la cooperativa Itc, con sede a Roma, che l'aveva assunta. Fino a quando (era il 14 febbraio) Elizabeth non ha ricevuto una strana telefonata, come ha raccontato a Fanpage.it: "Sono stata contattata fuori dall'orario lavorativo dalla mia responsabile, e mi è stato detto che dal giorno dopo non avrei dovuto più recarmi in Questura. Anzi mi è stato detto esplicitamente che se mi fossi presentata mi sarebbe stato impedito di entrare", ci ha raccontato. A quel punto Elizabeth ha provato a chiedere chiarimenti, ma le è stato risposto che era arrivata dal ministero degli Interni una segnalazione, una direttiva ministeriale ad personam, che la esonerava dall'incarico. Ma il contenuto di questa segnalazione ad oggi non le è stato comunicato. Il giorno dopo Elizabeth si è comunque recata in ufficio, dato che di fatto il suo contratto non era ancora scaduto. In Questura nessuno le ha impedito fisicamente di entrare, e la giovane ha domandato se avesse commesso qualche errore nello svolgimento del suo lavoro. Ma anche in quell'occasione non le è stata fornita alcuna spiegazione. Alla cooperativa dicono di non sapere cosa contenesse esattamente la nota del Viminale, e di non averla letta.

Ma Elizabeth teme che questa improvvisa ‘incompatibilità' sia in qualche modo legata alla sua esposizione mediatica di questi mesi, durante i quali si è trovata più volte a raccontare la sua vicenda: "Mai ho violato il codice di condotta, che ho firmato, e che tutti gli interpreti sono tenuti a rispettare. Nessun abuso mi è stato contestato, né mi sarei mai permessa di violare la privacy dei migranti e la riservatezza richiesta dal mio incarico: in pubblico, fuori dall'ufficio, mi sono solo occupata della mia situazione, che non ha nulla a che vedere con i casi che trattavo al lavoro", ci ha detto.

Il dubbio che questo ‘licenziamento' sia collegato all'attivismo politico le è venuto anche per via di un documento, che i suoi colleghi in Questura hanno firmato nel giorno del suo licenziamento, ma che a lei non era mai stato somministrato. In pratica si tratta di una dichiarazione sostitutiva, che contiene dei punti cruciali, che possono essere così sintetizzati: il dipendente dichiara di non far parte di nessuna associazione, movimento o gruppo, che possa ritenersi incompatibile con il suo ruolo; dichiara inoltre di non essere legato in alcun modo a gruppi politici, e di non aver preso parte a iniziative politiche che possano essere ritenute in conflitto d'interesse con la posizione ricoperta. "Questa dichiarazione sostitutiva non mi è mai stata fatta firmare, ne sono venuta a conoscenza solo quando ho perso il lavoro", ha sottolineato Elizabeth.

Al momento siamo ancora nel campo delle ipotesi, ma la sensazione è che l'attivismo della ragazza, gli eventi pubblici per la presentazione del suo libro, gli appelli al ministro Matteo Salvini. abbiano dato fastidio a qualcuno. Gli atti ufficiali ancora non si conoscono, ma rimane il fatto che Elizabeth è stata mandata a casa. "Non posso ottenere l'assegno di disoccupazione perché non ne ho diritto con questo tipo di contratto. Non posso ottenere il reddito di cittadinanza, ma avere un reddito per me è fondamentale, per questo devo trovare subito un nuovo lavoro". Il suo improvviso licenziamento potrebbe compromettere ulteriormente il lungo percorso che ha fatto in questi anni per essere considerata a tutti gli effetti una cittadina italiana: per poter avere la cittadinanza a Elizabeth è richiesto un reddito di 10mila euro all'anno, percepito in modo continuativo, per 3 anni. Dalla Itc ha ottenuto immediatamente un risarcimento per l'interruzione del rapporto lavorativo, una penale, a riprova del fatto che si è trattata di una risoluzione assolutamente unilaterale, totalmente ingiustificata.

La ragazza si è allora rivolta a un avvocato, Andrea Maestri, (che fa anche parte della segreteria di Possibile), che ha richiesto l'accesso agli atti: "Faremo una causae civile antidiscriminatoria, un ricorso al tribunale di Como, per eliminare quella che riteniamo essere un'odiosa discriminazione che Elizabeth ha subito sul luogo di lavoro. Una decisione del tutto abnorme, che non ha tenuto conto della  delle competenze della ragazza. Chiederemo il risarcimento del danno non patrimoniale, il danno biologico ed esistenziale, per lesione della dignità umana e professionale della lavoratrice. Se venisse confermata la nostra ipotesi, cioè se dalle carte emergenze una discriminazione subita da Elizabeth, sarebbe un fatto inedito e gravissimo".

"Ormai siamo abituati con questo governo siamo abituati a ricevere provvedimento amministrativi attraverso tweet o post su Facebook scritti da un ministro, e prima o poi dovremmo normare anche l'efficacia giuridica che può avere un contenuto del genere. Più si parla di diritti costituzionalmente sanciti più notiamo un'estrema faciloneria nel trattarli dal punto di vista formale e giuridico. Come prevede la legge tutti i provvedimenti amministrativi dovrebbero essere scritti e motivati – ha spiegato Maestri, contattato da Fanpage.it – In questo caso non abbiamo né una nota scritta né un addebito: abbiamo solo un recesso unilaterale dal contratto di collaborazione, che non si sorregge in alcun modo dal punto di vista giuriudico. Noi chideremo al giudice di ordinare l'esibizione dell'atto al ministero degli Interni. Poi, certo, come è accaduto con le vicende degli sbarchi, il ministero potrebbe rispondere che non esiste alcun atto formale. Ma sarebbe un vero e proprio strappo allo Stato di diritto del nostro Paese".

articolo a cura di
La giornalista Jean Carroll accusa Trump: "Mi stuprò 23 anni fa in camerino". Lui: "Mai incontrata"
Due rom arrestate a Roma, Salvini: "Ai loro figli penseranno i mariti"
Toti guarda al futuro di Forza Italia: "Apriremo alla democrazia, linea politica scelta dal basso"
Luigi Di Maio parla all'assemblea locale M5s: "Incazzato quando ho letto frase non siamo burocrati"
È allucinante che il PD non riesca a prendere una posizione forte neanche sul caso Sea Watch 3
Matteo Renzi attacca Salvini: “Disperato piagnucola chiedendo 10 miliardi, ennesima pagliacciata”
Filippine: operaio di 18 anni muore dopo essere stato trascinato in un tritacarne
Reddito di cittadinanza, arriva il simulatore: come calcolare l’importo dell’assegno
Rottamazione-ter, in arrivo un milione e mezzo di lettere ai contribuenti