Rafa Nadal che si accascia a terra con le braccia spalancate in segno di trionfo e il pubblico della Caja Magica di Madrid in visibilio. Si chiude così la Coppa Davis 2019, con la vittoria della Spagna capace di superare in finale il sorprendente e giovane Canada. Decisivi i successi di Roberto Bautista Agut su Felix Augier-Aliassime e quello del numero 1 del mondo Nadal su Denis Shapovalov. 

La Spagna vince la Coppa Davis 2019, battendo il Canada

La Coppa Davis 2019, il più importante torneo di tennis tra squadre nazionali maschili, si chiude dunque con il trionfo della Spagna. Per la sesta volta nella sua storia la rappresentativa iberica ha portato a casa il titolo, superando in finale il Canada. Se Roberto Bautista Agut ha superato 7-6, 6-3 Felix Augier-Aliassime, Rafa Nadal ha conquistato il punto decisivo battendo Denis Shapovalov 6-3, 7-5 chiudendo una stagione da applausi in cui oltre a vincere Roland Garros e US Open ha ritrovato la prima posizione del ranking.

La nuova Coppa Davis di Piqué non convince

Si chiude così un'edizione storica della Coppa Davis, quella con il tanto discusso nuovo formato con la fase finale disputata nell'arco di una settimana con diciotto squadre divise in sei gruppi da tre squadre ciascuno (l'Italia inserita nel girone con USA e Canada è stata eliminata subito). Tante le polemiche, per i tanti impegni ravvicinati e le partite disputate anche in orari improponibili. Alla fine Piqué, il difensore del Barcellona tra i fondatori della Kosmos organizzatrice del torneo, (protagonista anche di un botta e risposta al vetriolo con il grande assente Federer, molto critico), può sorridere per il successo della sua Spagna, meno per il gradimento riscontrato dalla nuova Coppa Davi,s che non ha convinto.

L'Italia sfiderà la Corea nelle qualificazioni per la Coppa Davis 2020

Nel frattempo per l'Italia è già tempo di iniziare la lunga marcia d'avvicinamento alla prossima Coppa Davis. Per qualificarsi alla fase finale dell'edizione 2020, gli azzurri giocheranno in casa contro la Corea. Un match alla portata della nostra rappresentativa che si disputerà il 6 e il 7 marzo prossimi. I coreani sono reduci dal successo sulla Cina