E' finita in una caduta tragica e spettacolare la stagione di Sofia Goggia, l’olimpionica azzurra della discesa che è caduta rovinosamente nel superG di Garmisch. Gli accertamenti successivi all'incidente, svolti in ospedale, hanno confermato che la sciatrice azzurra ha riportato la frattura scomposta del radio sinistro e per questo non potrà più indossare tuta e sci. Sofia Goggia è stata subito portata in sala operatoria per sottoporsi all’intervento per ridurre la frattura. Operazione chirurgica andata a buon fine, ma i tempi di recupero sono stimati in sei settimane, troppe per pensare ad un rientro sulle piste prima della fine della stagione agonistica.

L'appuntamento di Garmisch, con il programma definito da una libera e da un superG, era molto atteso dalla sciatrice azzurra perché Sofia Goggia era inserita tra le favorite. La pista era adatta alle sue caratteristiche e alla sua capacità di attaccare. Poi, la rovinosa caduta, la frattura, l'operazione e l'addio al mondiale di questa stagione. La Coppa del Mondo terminerà nella settimana dal 6 al 22 marzo, Sofia in quel periodo sarà ancora sottoposta a fisioterapia e rieducazione, l'appuntamento è previsto per il 2020-2021.

La caduta di Garmish è la replica di quella dello scorso 24 gennaio nella prima delle due discese di Bansko, dove però non ebbe conseguenze così gravi.  Sofia Goggia in quell'occasione rimediò una brutta botta alla tibia destra, già infortunata nell’ottobre 2018 nel corso di un allenamento in gigante. La caduta in Bulgaria non aveva però fermato la campionessa italiana che è subito rientrata in Italia per farsi preparare al meglio con una protezione in carbonio. Proprio utilizzando in gara  questo tutore aveva ripreso a gareggiare, centrando il secondo posto nel superG di Sochi vinto da Federica Brignone.