L’Italia di Mazzanti a Nagoya perde la prima partita nei Mondiali di Pallavolo femminile. Una sconfitta indolore perché le azzurre dopo lo strepitoso successo ottenuto ieri al tie-break contro le padroni di casa del Giappone avevano già staccato il biglietto per le semifinali, che mancavano da sedici anni. In palio oggi c’era il primato del girone che la Serbia ha conquistato vincendo per 3-1.

L’avvio di partita è davvero duro per le azzurre. Tutto sommato era prevedibile. La Serbia aveva riposato perché era scesa in campo domenica, mentre Enogu e compagne invece hanno vinto ieri contro il Giappone e lo hanno fatto in cinque set, e non va dimenticato che fin qui l’Italia aveva vinto tutte le partite. Le balcaniche partono meglio e svelte si prendono il primo set, il c.t. Mazzanti nel secondo dà spazio a chi ha giocato un po’ meno, fa rifiatare qualche titolarissima, la Serbia allunga e conquista anche il secondo set.

Prima sconfitta ai Mondiali per l’Italia.
in foto: Prima sconfitta ai Mondiali per l’Italia.

Le ragazze terribili, sono state soprannominate così )e in questi giorni l’hashtag con queste parole è uno dei più utilizzati), sono fortissime ma hanno un carattere che va ben oltre la propria bravura e all’improvviso ritornano in partita. Enogu guida la rimonta, Chirichella sale in cattedra, dopo il sorpasso c’è l’allungo decisivo. Il terzo set è delle azzurre, 25-23, e si continua a giocare. Il quarto set è equilibratissimo, l’Italia si porta sul 16-14, sembra il momento giusto per scappare, ma non è così. Una schiacciata troppo morbida rimette in gioco le serbe che infilano quattro punti e mettono le mani sulla partita, finisce 25-23 e la Serbia conquista vittoria e primato nel girone. L’Italia in semifinale venerdì affronterà la perdente del match tra la Cina e l’Olanda, che si giocano il primo posto nell’altro raggruppamento, che hanno eliminato gli Stati Uniti campionesse in carica.