Nel 2020 le Olimpiadi estive si terranno a Tokyo, nei prossimi mesi molti atleti andranno a caccia della qualificazione ai Giochi. Quelle del 2024 si disputeranno a Parigi. Gli organizzatori dei Giochi del 2024 hanno chiesto al CIO di far disputare le gare di Surf a Tahiti, un posto meraviglioso, a sudovest della Polinesia, che dista 15mila chilometri da Parigi. Non è ancora ufficiale, perché serve l'ok del Comitato Olimpico Internazionale, ma l'idea è senza dubbio molto affascinante.

Surf a Tahiti, la proposta degli organizzatori dei Giochi di Parigi 2024

Sul profilo Twitter del comitato dei Giochi Olimpici del 2024 gli organizzatori dei Giochi francesi hanno fatto sapere di aver scelto Tahiti, come sede per le gare di surf. C'erano state tante candidature, perché si erano proposte anche Biarritz, Lacanau, Les Landes e La Touche, ma alla fine ha vinto Tahiti, territorio d'oltremare che appartiene alla collettività della Polinesia francese nell'Oceano Pacifico Meridionale, situato tra Oceania e Sudamerica al largo delle Isole Cook. Tra Parigi e Tahiti ci sono 15mila chilometri di distanza, e ciò renderebbe difficile la partecipazione alla cerimonia d'apertura dei surfisti, ma darebbe la possibilità di avere delle giornate con quasi ventiquattr'ore di gara.

Nel 1956 le gare di equitazione dei Giochi di Melbourne si disputarono a Stoccolma

Se il CIO darà l'ok a Tahiti si terranno le gare di surf delle Olimpiadi di Parigi. Non sarebbe però la prima volta che accade una cosa del genere. Perché nel 1956 le gare di equitazione dei Giochi di Melbourne si disputarono a Stoccolma a causa di regole sanitarie molto restrittive del governo australiano. E tra Melbourne e Stoccolma ci sono più di 21mila chilometri di distanza. Quindi Parigi e Tahiti riscriverebbero la storia, ma non batterebbero il record del 1956.