Fabio Aru ha conquistato la maglia gialla al Tour de France 2017. Il sardo, che pochi giorni fa ha vinto una tappa che è subito passata alla storia, sui Pirenei ha confermato tutte le sue qualità di grande scalatore, ha sfruttato le difficoltà dell’inglese Chris Froome e grazie al terzo posto di tappa a Peyragudes è riuscito a indossare la maglia gialla della ‘Grand Boucle’. Il Tour, che per molti sembrava chiuso, all’improvviso si riapre. Ora ci si prepara ad una grande battaglia tra il nostro piccolo e grandissimo scalatore Aru e l’inglese Froome, del team Sky, il grande favorito della vigilia.

Il crollo di Froome è stato alquanto sorprendente ed è avvenuto a soli 300 metri dal traguardo l’inglese, abbandonato dai suoi gregari, non va più, quasi si ferma, le gambe non lo aiutano. Aru capisce che è il momento giusto per attaccare e in quelle centinaia di metri il sardo dell’Astana riesce ad accelerare, la sua progressione è splendida, anche se non gli è bastata per vincere la tappa che si è preso il francese Romain Bardet, il terzo incomodo che sta facendo sognare un paese intero, che per due secondi ha beffato il colombiano Uran, quarto nella classifica generale, e Aru, che per appena sei secondi toglie il primato a Froome.

L’ordine d’arrivo dell’11a tappa Pau-Peyragudes – 1) Bardet (Fra) 5h49’38’’; 2) Uran (Col) a 2’’; 3) Aru (Ita) a 2’’; 4) Landa (Spa) a 5’’; 5) Meintjes (Rsa) a 7’’; 6) Martin (Irl) a 13’’; 7) Froome (Gbr) a 22’’; 8) Bennett (Aus) a 27’’; 9) Yates (Gbr) a 27’’; 10) Nieve (Spa) a 1’28’’.

La Classifica – 1) Aru (Ita) 52h51’49’’; 2) Froome (Gbr) a 6’’; 3) Bardet (Fra) a 25’’; 4) Uran (Col) a 35’’; 5) Martin (Irl) a 1’41’’; 6) Yates (Gbr) a 2’13’’; 7) Landa (Spa) a 2’55; 8) Quintana (Spa) a 4’01’’; 9) Bennett (Aus) a 4’04’’; 10) Meintjes (Rsa) a 4’51’’.