La bufera arriva anche sui campi a 5 del calcetto nostrano. A venire direttamente coinvolto è il vertice federale nella figura del suo presidente, Andrea Montemurro che in un primo momento – con la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche – si dimette immediatamente ma poi ritira la lettera d'addio. Un terremoto che apre il fronte ad un vero e proprio caso di corruzione e – probabilmente – qualcosa di più, anche se su questo interverranno i magistrati e la Procura che già stanno indagando.

La ‘soffiata' degna di Calciopoli

Tutto scoppia quando viene diffusa una telefonata tra lo stesso Montemurro e il presidente del Latina Calcio a 5 Gianluca La Starza. L'argomento della chiacchierata è l'imminente esclusione per problemi di bilancio di una squadra di Serie A, il Maritime. Nessuno lo sa, dice Montemurro e l'indiscrezione avrebbe uno scopo ben preciso: permettere al Latina di ingaggiare per tempo gli svincolati dal Maritime sfruttando la ‘soffiata'.

Il ‘regalo carino e intelligente'

Già di per sè, un illecito sportivo, con l'evidente favoreggiamento nei confronti di un club rispetto agli altri, da parte di una figura istituzionale che per suo mandato dovrebbe essere ‘super partes‘. Ma c'è di più in quella telefonata. La Starza ad un certo punto parla di ‘regalo' da far pervenire a Montemurro per l'indiscrezione arrivata. Un ‘regalo' molto particolare con cui ricambiare il favore: "E' carina, è anche una donna intelligente, poi mi dirai. Così passi qualche weekend sereno…". Con conseguente apprezzamento dello stesso Montemurro: "Bravo, bravo".

Chi è Andrea Montemurro

Adesso si attenderanno i risvolti dell'intera vicenda con conseguenze particolarmente significative per l'intera Lega nazionale Dilettanti e non solo: Andrea Montemurro, infatti, oltre ad essere il numero uno della Divisione nazionale Calcio a 5, è anche un delegato UEFA (per il quadriennio 2019-2023) nonché Consigliere federale della stessa Lnd.