3221

condivisioni

CONDIVIDI
15 Settembre 2021 7:44

Cristiano Ronaldo fa l’allenatore, Ferdinand sbotta: “Basta con queste spacconate, siediti”

Cristiano Ronaldo si prende la scena anche nella serata della sconfitta in Champions del Manchester United contro lo Young Boys. CR7 segna il gol del momentaneo vantaggio poi, sostituito, si sovrappone al tecnico, Solskjaer, dando indicazioni tattiche ai compagni di squadra. Un atteggiamento che a molti non è piaciuto.
A cura di Maurizio De Santis

Il gol del vantaggio, una sostituzione che ha fatto discutere e la consueta "partecipazione emotiva" alle sorti del match che gli permette di essere al centro della scena anche quando viene richiamato in panchina con mezz'ora di anticipo rispetto alla fine del match. Cristiano Ronaldo è l'alfa e l'omega della partita del Manchester United contro lo Young Boys. Debutto agrodolce per il campione portoghese: sua la rete del momentaneo vantaggio, prima che il grave errore commesso da Lingard (ironia della sorte entrato proprio al posto di CR7) compromettesse tutto. Rimonta e sorpasso rovinano la serata dei Red Devils e dell'ex juventino.

E se il tecnico, Solskjaer, finisce nel mirino della critica per la strategia dei cambi, l'ex Real va sotto i riflettori per l'atteggiamento da "assistente allenatore" che lo ha contraddistinto. Sembra la riedizione della finale degli Europei del 2016: Ronaldo è fuori (allora, però, fu costretto ad abbandonare il campo per infortunio) ma resta in campo alla sua maniera sovrapponendosi al ct della nazionale, Santos. A Berna, come nel match contro la Francia, si fa notare per come impartisce suggerimenti tattici, indica ai compagni di squadra le posizioni giuste, quali sono i movimenti migliori e il modo più intelligente per sistemarsi dal punto di vista tattico e il modo in cui protesta verso il quarto uomo.

Ronaldo è l'ombra di Solskjaer. È alle sue spalle e lo oscura con la sua mimica e un approccio che ad alcuni opinionisti non è piaciuto affatto. Rio Ferdinand, ex calciatore dello United e compagno di squadra di CR7, ha sbottato: "È spavalderia per i tifosi – ha ammesso parlando in diretta TV -. Fossi stato il suo allenatore gli avrei detto di smetterla e mettersi a sedere. Ma Cristiano è fatto così… vuole vincere sempre e, se convinto che deve mettersi accanto al manager a gridare istruzioni per ottenere la vittoria, lo fa e basta sfruttando il suo carisma".

Peter Crouch, ex attaccante, è dello stesso avviso. Anche lui dà un buffetto sulla guancia al campione portoghese. "Sono d'accordo… anche io nei panni dell'allenatore gli direi di tornare a sedersi. Ma lui è Ronaldo e glielo lasciamo fare…".

Continua a leggere su Fanpage.it
Cristiano Ronaldo inseguito: l'invasore di campo prova a strappargli la maglia, lui è spiazzato
Infinito Cristiano Ronaldo: segna il gol decisivo al 94' e il Manchester vince in rimonta
Cristiano Ronaldo a muso duro: "Chi mi critica, mi teme e gli chiuderò la bocca vincendo"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni