601 CONDIVISIONI
25 Settembre 2022
18:57

Mancini in emergenza anche in Ungheria, l’appello: “Si dovrebbe amare un po’ di più la Nazionale”

Roberto Mancini ha presentato in conferenza stampa la sfida di Nations League tra l’Italia e l’Ungheria, che può valere l’accesso alla Final Four per gli Azzurri.
A cura di Vito Lamorte
601 CONDIVISIONI

L'Italia si giocherà l'accesso alla Final Four della Nations League 2022-2023 in casa dell'Ungheria e arriva alla sfida di Budapest con una maggiore fiducia dopo la vittoria in casa contro l'Inghilterra. Gli Azzurri hanno cambiato nodo di giocare rispetto alle ultime uscite di giugno e la squadra è parsa più compatta ma il Roberto Mancini ha ammesso che probabilmente qualche cambiamento rispetto alla gara di Milano ci sarà: "Qualcosa cambieremo, vedremo come stanno tutti i ragazzi. Bisogna giocarla con massima tranquillità, dobbiamo cercare di attaccare e quando avremo le occasioni sfruttarle al meglio. Dobbiamo poi difendere bene: l'Ungheria in casa davanti a 70mila spettatori proverà a vincere e noi dovremo giocare con la massima tranquillità".

Il commissario tecnico della Nazionale in conferenza stampa ha parlato anche della vicenda che ha visto protagonista Ciro Immobile questa mattina: "Abbiamo provato a lui è stato bravissimo a stare con noi. Poi stamattina abbiamo deciso di lasciarlo a casa perché non valeva la pena correre il rischio, diventata troppo pericoloso. Dispiaceva a lui e a noi. Ciro sarebbe rimasto volentieri, è rimasto con noi anche durante la prima partita. Ha voluto provarci, ma non poteva rischiare".

In Ungheria Mancini c'è già stato da calciatore ("Non è mai semplice, mi fa piacere che la nazionale ungherese abbiamo fatto un'ottima Nations League. È allenata da un mio ex compagno di squadra che ha fatto un grande lavoro") e in merito alla sfida di domani ha dichiarato: "Abbiamo grande rispetto, negli ultimi 2-3 anni è migliorata tantissimo. Gioca un buon calcio, attacca e si difende bene".

Infine, il CT ha parlato della difficoltà ad avere un gruppo al completo per poter lavorare con la stessa squadra e cercare le soluzioni più adatte: "Questo è il problema che hanno tutti i ct durante l'anno, chiamare i giocatori che hanno tanti impegni e tanti viaggi, magari a volte non sono in buone condizioni. La cosa più importante è aver la voglia di venire in Nazionale, poi noi abbiamo sempre cercato di non creare problemi a nessuno, noi abbiamo sempre fatto il nostro dovere e continueremo a farlo. La cosa importante è che la Nazionale resti una cosa davvero importante per un giocatore, a volte bisognerebbe amarla un po' di più".

601 CONDIVISIONI
Chi è Simone Pafundi, il pupillo di Mancini che a 16 anni è già arrivato in Nazionale
Chi è Simone Pafundi, il pupillo di Mancini che a 16 anni è già arrivato in Nazionale
Albania-Italia, formazioni ufficiali e dove vederla in TV e streaming: orario e canale Rai della partita
Albania-Italia, formazioni ufficiali e dove vederla in TV e streaming: orario e canale Rai della partita
Perché l'Italia non c'è ai Mondiali 2022 in Qatar
Perché l'Italia non c'è ai Mondiali 2022 in Qatar
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni