28 Maggio 2022
14:12

Il Chelsea ha una nuova proprietà, Abramovich cede ufficialmente il club: “È stato un onore”

Roman Abramovich cede ufficialmente il Chelsea che adesso ha una nuova proprietà. Definito l’accordo che si concluderà definitivamente nella giornata di lunedì. Lettera d’addio del magnate russo: “Ne beneficeranno milioni di persone”.
A cura di Fabrizio Rinelli

Un comunicato ufficiale apparso sul proprio sito ha dato il via a una nuova pagina di storia del Chelsea. Roman Abramovich non è più il proprietario del club dopo le sanzioni subite dal governo inglese a seguito dello scoppio della guerra in Ucraina e la sua vicinanza al presidente russo Putin. Dopo mesi di trattative e il via libera alla cessione autorizzato dallo stesso Governo britannico arriva la fumata bianca che fa tirare un sospiro di sollievo al club.

"È stato stipulato un accordo definitivo per vendere il Club al consorzio Todd Boehly/Clearlake Capital. Si prevede che la transazione sarà completata lunedì. Il Club si aggiornerà ulteriormente in quel momento". È quanto scrive il Chelsea prima di pubblicare una lettera d'addio da parte dello stesso Abramovich che saluta calciatori, tifosi e staff. Il magnate russo ricorda anche quanto dichiarato già settimane prima, ovvero che tutti i proventi della cessione sarebbero andati in beneficenza a tutte le vittime della guerra in Ucraina.

"Da quando sono arrivato al Chelsea quasi vent'anni fa, ho assistito in prima persona a ciò che questo Club può ottenere – scrive all'interno di una lunga nota – Sono lieto che questa ricerca sia giunta a una conclusione positiva e nel consegnare il Chelsea ai suoi nuovi padroni di casa, vorrei augurare loro il miglior successo, sia dentro che fuori dal campo". Abramovich saluta i sostenitori dei Blues per questi anni incredibili e ricorda: "È stato un onore della vita far parte di questo Club – dice – Sono orgoglioso del fatto che, grazie ai nostri successi congiunti, milioni di persone ora beneficeranno della nuova fondazione di beneficenza che è stata creata. Questa è l'eredità che abbiamo creato insieme". 

Il Chelsea è dunque finito nelle mani del consorzio americano guidato dal fondo Clearlake Capital e dal magnate Todd Boehly, co-proprietario dei Los Angeles Dodgers, che darà ufficialmente inizio alla sua nuova avventura al Chelsea nella giornata di lunedì. Il costo totale dell'affare è di 4,25 miliardi di sterline, poco meno di 5 miliardi di euro. I 2,5 miliardi di sterline versati per l'acquisto delle azioni al vecchio proprietario, sanzionato per il suo legame con Putin, andranno dunque destinati, come da programma, su un conto congelato nel Regno Unito prima di essere dati in beneficenza a sostegno della popolazione ucraina. I restanti 1,75 miliardi, invece, verranno investiti nella crescita dello stesso Chelsea.

Marina Granovskaia lascia il Chelsea, nella rivoluzione post-Abramovich spunta anche un italiano
Marina Granovskaia lascia il Chelsea, nella rivoluzione post-Abramovich spunta anche un italiano
Nel Chelsea salta un'altra testa: si era opposto alla cessione di Lukaku all'Inter
Nel Chelsea salta un'altra testa: si era opposto alla cessione di Lukaku all'Inter
La spiegazione sul flop di Lukaku al Chelsea, bordata sulla Serie A:
La spiegazione sul flop di Lukaku al Chelsea, bordata sulla Serie A: "Lì si gioca fino a 40 anni"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni