Erling Braut Haaland è l'uomo del momento. Il giovane attaccante del Borussia Dortmund è diventato il nuovo fenomeno del calcio europeo dopo il suo passaggio in Bundesliga dal Salisburgo e le statistiche stagionali dicono 40 gol fatti in stagione in 30 partite tra Austria, Germania e Champions League. Numeri incredibili. Qualche giorno fa si è parlato dell'idolo d'infanzia del calciatore norvegese classe 2000 ed era spuntato il nome di Miguel Perez Cuesta, in arte Michu: l'ex attaccante di Rayo Vallecano, Swansea e Napoli era tra i preferiti del norvegese ai tempi del Byrne, la squadra dov'è cresciuto e Haaland "taggava" spesso lo spagnolo sul suo profilo Instagram.

Il regalo di Michu per Haaland

Michu dopo aver appeso le scarpette al chiodo è diventato direttore sportivo del Burgos e quando ha scoperto di essere tra i punti di riferimento di uno dei calciatori più importanti del momento si è detto onorato ("È un grande giocatore. Penso che diventerà un crack mondiale") e si è fatto fotografare con una maglietta della squadra di cui ora è dirigente con dedica speciale per Haaland. Dopo questo simpatico tweet c'è stato uno scambio sui social di gentilezze tra i due, dato che il classe 2000 ha risposto in maniera sorpresa con un "Wow, what a legend!" e lo stesso giovane bomber norvegese ha condiviso un post con i numeri della fantastica stagione 2012-2013 di Michu allo Swansea. Sicuramente sarà stato un pomeriggio pieno di ricordi per la nuova stella del calcio europeo.