Quale futuro per il calcio italiano? Quali sono gli scenari per il campionato di Serie A? Nella speranza che l'emergenza Coronavirus rientri al più presto, i vertici della Lega e i presidenti dei club si stanno confrontando sulle possibili prospettive in caso di ripresa dalle attività. Mentre le parti sembrano divise tra chi spera di tornare a giocare, e chi invece pensa già alla prossima stagione, c'è una certezza: l'ipotesi di chiudere il torneo con playoff o playout è ormai svanita. La conferma è arrivata dalle parole del patron del Lecce Saverio Sticchi Damiani.

La Serie A s'interroga sul come finire il torneo dopo l'emergenza Coronavirus

Se da una parte c'è chi come il presidente della Lazio Lotito, pensa al possibile ritorno in campo sulla base del calo dei contagi degli ultimi giorni, dall'altra c'è chi come il presidente Agnelli sembra già pensare alla prossima stagione. I vertici del calcio italiano si stanno interrogando e confrontando sugli scenari possibili per il campionato, con la possibilità di uno stop del torneo che è diventata sempre più concreta con il passare dei giorni. A parlare di questa possibile ipotesi, la peggiore, è stato il presidente del Lecce Sticchi Damiani ai microfoni di Radio Punto Nuovo: "Nel caso in cui il campionato non dovesse più ricominciare, stiamo cercando un modo per ricavare introiti, parliamo di circa 2-300 milioni di euro: un sistema potrebbe essere la riduzione degli stipendi in base a un periodo determinato. Il sistema calcio rischia un danno esorbitante, quindi si deve anche considerare la possibilità di giocare ad agosto".

Addio all'ipotesi playoff e playout in Serie A

Tutto dipenderà dunque dalla situazione legata al COVID-19 e alla possibilità che si possa tornare alla normalità entro l'estate. Altrimenti lecito pensare ad uno stop del torneo, con la possibilità di vedere nella prossima stagione una Serie A a 22 squadre con due promosse dalla B. Nell'incertezza generale però sembra esserci una presa di posizione definitiva: l'ipotesi di chiudere il campionato con playoff e playout è definitivamente tramontata. Sticchi Damiani ha infatti svelato: "Ne avevamo parlato, ero assolutamente scettico a riguardo, ma credo che la proposta sia caduta. Club a rischio fallimento? Dipende da che tipo di politica e che tipo di indebitamento hanno le società. Il Lecce non ha nessun debito pregresso, ma ci sarebbe ugualmente un impatto grande"