Una polemica a scoppio ritardato quella di Radja Nainggolan sui propri profili social, riguardante il ‘giallo' della discordia rimediato contro il Genoa, nell'ultima giornata di campionato che ha visto il Cagliari soccombere contro il Grifone 1-0. Il centrocampista belga, tra i protagonisti del match e che sull'ultimo assalto degli isolani ha colpito una clamorosa traversa, è stato ammonito e, già diffidato, sarà costretto a saltare la partita contro il Napoli. Un ‘giallo' che non è piaciuto a nessuno, né al diretto interessato né al tecnico della squadra, Maran perché il fallo è considerato inesistente.

Cosa è accaduto in campo

L'episodio ‘incriminato' risale al secondo tempo di Genoa-Cagliari, quando il centrocampista belga interviene duramente ma in modo corretto su Criscito: l'intervento è a gamba tesa ma il giocatore colpisce il pallone, mentre l'avversario finisce a terra. Per l'arbitro Cavalese è fallo e scatta l'ammonizione a Nainggolan. Già nell'elenco dei diffidati, per il centrocampista scatta la squalifica automatica per un turno, che coincide con il big-match contro il Napoli, scatenando la furia di Maran nel dopo gara

Nainggolan è stato ammonito per un fallo che non c’era. In questo modo c’è stato tolto il nostro giocatore più importante domenica prossima e fa male averlo perso per colpa di un fallo che non c’era

L'ironia di Nainggolan sui social

Lo stesso Radja Nainggolan dopo aver protestato inutilmente in campo ha lasciato trasparire tutta la propria amarezza anche via social network, dove ha postato una sua foto durante il match con un cartellino giallo e delle emoticon con la faccina che ride, minimizzando l'episodio in questione a una ‘ridicolaggine' da parte del direttore di gara.

La crisi del Cagliari

Un problema non da poco per il Cagliari che sta attraversando un periodo non proprio positivo: l'ultima vittoria risale oramai allo scorso 4 dicembre, in casa contro la Sampdoria per 4-3. Poi, solo amarezze nelle successive 8 gare di campionato dove ha racimolato solo tre pareggi e ben 5 sconfitte, scivolando piano piano dalla Zona Europa al centro classifica.